1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Assicurazioni ›› 

Prezzi RC auto in picchiata, occhio al confronto con un anno fa prima del rinnovo polizza. E nuovo Dpcm alimenta pressioni al ribasso

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giu’ a doppia cifra i prezzi delle assicurazioni RC auto. Secondo l’osservatorio RC auto di Facile.it, la pandemia ha avuto un impatto significativo sul prezzo delle polizze tanto che, a ottobre, per assicurare un veicolo a quattro ruote occorrono in media 492,03 euro, valore in calo del 10,51% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Una flessione da sfruttare nel momento di rinnovo della polizza, confrontando le molte offerte presenti sul mercato per beneficiare di prezzi oggi ai minimi storici e garantendosi un risparmio importante.

“La pandemia ha inciso significativamente sul costo dell’RC auto – ha sottolineato Diego Palano, responsabile assicurazioni di Facile.it – A marzo e aprile i premi medi sono crollati a seguito del blocco della circolazione, del calo di immatricolazioni di nuove auto e di tariffe molto più competitive offerte dalle compagnie assicurative online. Nonostante un leggero aumento rilevato tra maggio e giugno, legato alla ripresa di circolazione e immatricolazioni, i premi medi sono tornati a scendere da luglio, grazie al miglioramento delle tariffe offerte delle compagnie assicurative che, soprattutto online, hanno scelto di ridurre i prezzi offerti ai clienti in virtù del risparmio ottenuto nel 2020 a seguito del calo complessivo dei sinistri stradali”.

Da monitorare poi la possibile dinamica dei prossimi mesi con le nuove restrizioni alla mobilità introdotte dall’ultimo DPCM che potrebbero portare a nuovi cali nei prezzi dell’Rc auto. Sebbene sia difficile fare previsioni, è bastato un solo giorno dall’entrata in vigore del nuovo Dpcm per rilevare un crollo nelle richieste di assicurazioni, in particolare quelle destinate a nuove immatricolazioni, soprattutto per quanto riguarda le regioni inserite nella fascia rossa. L’indagine di Facile.it ha evidenziato come venerdì 6 novembre, primo giorno dell’entrata in vigore delle nuove regole di chiusura, le richieste di Rc auto sono diminuite, a livello nazionale, del 4% rispetto allo scorso anno, con un crollo importante localizzato soprattutto nelle regioni rosse, dove la diminuzione è stata del 9%, con un picco del -10% in Lombardia. Ancor più significativo è il calo delle richieste per assicurare veicoli nuovi: in questo caso, nel primo giorno di lockdown a zone, si osserva un -22% nelle regioni rosse (Lombardia in testa con -27%); situazione ben diversa nelle aree inserite in fascia gialla, dove invece la richiesta di preventivi per assicurare auto nuove è aumentata del 6%.