1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Prada: utile netto 2019 sale a 256 mln. Atteso impatto negativo su conti 2020 da emergenza sanitaria

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il gruppo Prada ha annunciato di avere chiuso il 2019 con ricavi netti per 3,22 miliardi di euro, in crescita del 3% a cambi correnti e flat a cambi costanti, mentre le vendite retail hanno mostrato una crescita del 4% a cambi correnti.

Nel periodo in esame l’Ebit si è attestato a 307 milioni rispetto ai 324 milioni del 2018, mentre l’utile netto è migliorato e si è attestato a 256 milioni “incluso il beneficio fiscale del Patent Box per gli anni 2015-2019”. Nel 2018 l’utile netto era pari a 205 milioni. La società del lusso ha registrato un flusso di cassa operativo generato dal gruppo per 362 milioni contro i 365 milioni nel 2018 e gli investimenti sono stati per 302 milioni relativi principalmente al canale retail (inclusa l’acquisizione di un immobile commerciale a Madrid). Il consiglio ha proposto all’assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo di 2 centesimi di euro per azione.

“Il Gruppo Prada ha iniziato il 2020 registrando un’ottima performance; tuttavia, l’epidemia di Coronavirus ha interrotto il nostro percorso di crescita. Quello che sta succedendo oggi è un evento senza precedenti che ci richiede di agire con grande senso di responsabilità e i nostri pensieri e il nostro sostegno sono rivolti alle persone che stanno affrontando questo momento di grande difficoltà. La sicurezza e il benessere dei nostri collaboratori e dei nostri clienti sono prioritari e faremo tutto il possibile per superare questa crisi insieme”. Lo ha dichiarato Patrizio Bertelli, ceo del Gruppo Prada, sottolineando che “sebbene sia difficile prevedere l’evoluzione dell’epidemia, ci aspettiamo un impatto negativo sui risultati di quest’anno. Stiamo mettendo in atto un piano di azione articolato per mitigarne gli effetti, forti della flessibilità della nostra supply chain e dell’agilità della nostra organizzazione”. “La solidità della situazione patrimoniale e finanziaria del Gruppo ci consente di guardare con serenità al futuro, sicuri che saremo in grado di affrontare questo periodo di crisi imprevista e che ci troveremo pronti per ripartire al termine di questa emergenza”, ha concluso.