1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Piccole cripto crescono: $CRO cavalca effetto Lakers, ma non è la sola altcoin a volare mentre il Bitcoin è a quasi -20% dai massimi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo aver toccato nelle scorse settimane i massimi di tutti i tempi , il Bitcoin e l’Ether continuano a perdere quota. Non è così per altre Altcoin più piccole che resistono brillantemente, anzi strappano rialzi da capogiro. E’ il caso di Z-Cash, per esempio, che è aumentato di circa il 30% dall’inizio di novembre, secondo i dati Bloomberg. Anche il token Avalanche sta tenendo bene, guadagnando circa il 50% nelle ultime sette sessioni, mentre il coin di Crypto.com, CRO è avanzato abbastanza da diventare il 13esimo più grande per capitalizzazione di mercato salito a 18 miliardi di dollari.

Non è insolito per le cosiddette monete alternative salire mentre i loro fratelli più grandi soffrono. Questo perché molte sono legate a notizie specifiche che aiutano a spingerle più in alto. Crypto.com, per esempio, ha annunciato la scorsa settimana un accordo per sostituire Staples come sponsor principale dell’iconico palazzetto di Los Angeles che ospita le partite dal Lakers (si chiamerà Crypto.com Arena fino al 2041 dopo la firma di un accordo da 700 mln $). Gli analisti dicono che questo ha aiutato il token CRO a muoversi più in alto.

“Il tipico investitore di altcoin in questo momento sta cercando di trovare la prossima grande mossa”, ha detto Stephane Ouellette, amministratore delegato e co-fondatore della piattaforma cripto FRNT Financial Inc.

Bitcoin ed Ether fanno dietrofront

Nel frattempo, le più grandi criptovalute sono impantanate in un selloff nell’ultima settimana che ha visto Bitcoin avvicinarsi ad una correzione del 20% dal suo recente record. Anche Ether, il secondo più grande asset digitale per valore di mercato, è sceso  dell’8% dal suo massimo del 10 novembre. Bitcoin è sceso del 5,9% a partire da lunedì per scambiare a circa 56.000 dollari mentre Ether è sceso di circa il 6,6% a circa 4.079 dollari.

“Nonostante un po’ di turbolenza, questo è ancora tecnicamente un mercato toro”, ha detto Mati Greenspan, fondatore e CEO di Quantum Economics. “Quindi il denaro che esce dalle monete a grande capitalizzazione può facilmente trovare la sua strada in alcune di quelle più piccole”.

Gli analisti hanno citato una serie di motivi per cui il Bitcoin e alcune delle altre criptovalute tradizionali hanno venduto, tra cui la repressione delle criptovalute in Cina e le nuove disposizioni fiscali degli Stati Uniti che sono viste come ostili agli investitori di criptovalute hanno anche inasprito il sentiment.

I token più grandi hanno corso molto lontano e molto velocemente, quindi “è stato solo un consolidamento naturale dell’ambiente, dell’azione dei prezzi, essendo saliti così tanto in un così breve periodo di tempo”, ha precisato Thomas Perfumo di Kraken ne programma streaming “QuickTake Stock” di Bloomberg.