1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari e Borse europee previste positive in avvio, attenzione a Tim

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E’ atteso un avvio di seduta in leggero rialzo per Piazza Affari e le Borse europee in un timido tentativo di reagire dopo l’ennesimo tonfo. Ieri il Ftse Mib, arrivato a guadagnare il 4% circa in mattinata, alla fine ha chiuso a 17.870 punti con una flessione di oltre il 3%. Sugli scambi continua a pesare il possibile impatto del coronavirus sull’economia. In base agli ultimi numeri forniti dall’Organizzazione mondiale della Sanità, le persone infettate dal virus e alle prese con la malattia sono almeno 113.851 in tutto il mondo, a fronte di 4.015 decessi.

Gli investitori attendono misure concrete di sostegno all’economia contro l’epidemia. In Europa, i vertici dell’Unione europea sono concordi di fare tutto ciò che è necessario per contrastare gli effetti del virus sull’economia. Negli Stati Uniti, il presidente americano Donald Trump, ha annunciato misure significative e sta trattando con il Congresso. Intanto questa mattina la Bank of England ha annunciato a sorpresa, così come ha fatto la Federal Reserve di Jerome Powell, un bazooka anti-coronavirus, tagliando i tassi di riferimento dallo 0,75% allo 0,25%. Anche in questo caso il taglio è stato di 50 punti base. La Fed di Jerome Powell ha abbassato i tassi sui fed funds con un taglio di emergenza, portandoli nel range compreso tra l’1% e l’1,25%. Ora si guarda con maggiore insistenza verso la Bce, che si riunirà domani.

Intanto oggi sono in arrivo alcune indicazioni macro, tra cui spicca l’aggiornamento su produzione industriale, Pil e bilancia commerciale della Gran Bretagna. Dagli Stati Uniti in arrivo l’inflazione a febbraio. Per quanto riguarda l’Italia, oggi si riunirà il consiglio dei ministri per esaminare il nuovo livello di scostamento del deficit rispetto ai target programmati per il 2020 così da liberare risorse da impiegare in nuove misure a sostegno dell’economia. Si parla di risorse intorno ai 10 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 7,5 miliardi annunciati solo qualche giorno fa. Intanto dal fronte societario sono giunti i conti e il nuovo piano industriale di Tim. Da monitorare anche Mediaset, Erg e Ferragamo.