1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Non più crescita a ogni costo, c’è voglia di sostenibilità. Quadruplicate le emissioni di social bond

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La pandemia da Coronavirus ha generato una serie di shock economici che hanno finito per ampliare le disuguaglianze esistenti in tutto il mondo, portando a una maggiore richiesta di giustizia sociale nell’affrontare questa minaccia per la salute. Così una ricerca di S&P Global Ratings dedicata al Covid-19 in cui emerge che le persone più povere, le minoranze e le donne soffrono in modo sproporzionato a causa dei crescenti divari in termini di salute, abitazioni, reddito e istruzione nell’ambito delle misure di contenimento del COVID-19 e questo potrebbero metterli in una condizione di svantaggio per gli anni a venire.

Finanza sostenibile strumento contro il Covid-19

S&P Global Ratings afferma che la finanza sostenibile continuerà a servire come strumento nella lotta economica contro il COVID-19 e le disuguaglianze sociali e le questioni di giustizia che ne sono derivate. All’inizio della pandemia, il coronavirus è stato visto come il “grande livellatore”, colpendo sia i ricchi che i poveri. Invece, è diventato evidente che il COVID-19 è il “grande divisore”, che ha finito per aggravare le molte disuguaglianze strutturali tra nazioni e persone più ricche e più povere, che portano a richieste di giustizia sociale.
“La pandemia è diventata una crisi sanitaria che ha anche enormi ramificazioni per la giustizia sociale che dominerà le agende sociali, politiche ed economiche per gli anni a venire”, ha detto l’analista di S&P Global Ratings, Lori Shapiro, nel rapporto pubblicato ieri.
Invece di una crescita a tutti i costi, ci sono richieste di una crescita equa e sostenibile che vada a beneficio di tutti, comprese le popolazioni più vulnerabili. Parte della soluzione sarà rappresentata da programmi governativi che contribuiscano a plasmare una giusta ripresa e da un maggiore sostegno da parte di un sistema finanziario che si occupa di questioni sociali. “Stiamo già vedendo che gli investitori nei mercati dei capitali hanno un appetito per gli strumenti di debito dedicati a soddisfare le esigenze di alloggio, istruzione, assistenza sanitaria e occupazione”, ha detto Shapiro.
Proprio al fine di finanziare programmi per affrontare il problema, governi, enti sovranazionali e società, tra le altre cose, hanno accelerato l’emissione di strumenti, compresi i social bond, le cui emissioni sono aumentate di quasi quattro volte quest’anno, arrivando a 71,9 miliardi di dollari rispetto ai livelli del 2019. “Pensiamo che il mercato del debito sostenibile, anche a causa del rapido aumento delle emissioni di social bond, potrebbe superare i 500 miliardi di dollari quest’anno” affermano gli analisti di S&P.