1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Netflix taglia 150 posti di lavoro negli States dopo esodo degli abbonati

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Netflix taglia 150 posti di lavoro negli Stati Uniti appena un mese dopo che il gigante dell'intrattenimento ha dichiarato di aver perso abbonati per la prima volta in un decennio.
I licenziamenti riguarderanno principalmente la sede statunitense in California e rappresentano circa il 2% della forza lavoro nordamericana. Netflix ha dichiarato che la perdita di posti di lavoro è dovuta al crollo delle entrate dell'azienda.
Il servizio di streaming sta combattendo contro un esodo di spettatori quest'anno. Non è stato reso noto quali settori dell'azienda subiranno perdite di posti di lavoro, ma il Los Angeles Times ha riferito che sono stati colpiti i settori del reclutamento, delle comunicazioni e dei contenuti.
Alcune persone hanno anche reso nota la loro perdita di lavoro online. Ad aprile, il gigante dello streaming ha scioccato l'industria quando ha rivelato di aver perso 200.000 abbonati nei primi tre mesi del 2022 e ha avvertito che altri due milioni abbandoneranno la piattaforma nel prossimo trimestre.
La notizia ha scatenato un'ondata di vendite da parte degli investitori, con un crollo delle azioni dell'azienda del 35% in un solo giorno. Sebbene Netflix abbia 220 milioni di abbonati a livello globale e rimanga il chiaro leader del mercato, negli ultimi anni ha dovuto affrontare una forte concorrenza con l'arrivo di piattaforme concorrenti come Disney Plus, e Prime Video di Amazon. Nella relazione sugli utili del mese scorso, la società ha anche dichiarato che la guerra in Ucraina e la decisione di aumentare i prezzi negli Stati Uniti le sono costati in termini di abbonati.
Oltre alla perdita di posti di lavoro, l'azienda sta anche tagliando i contenuti e riducendo le proprie creazioni. All'inizio di maggio Netflix ha cancellato lo sviluppo di Pearl, una serie animata creata da Meghan Markle.