1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

MPS sulle montagne russe: -5% dopo guizzo per Padoan-Unicredit. Pesa rumor su tempi uscita Stato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Brusco dietrofront oggi per MPS, tra i peggiori di tutta Piazza Affari con una chiusura a 1,229 euro, in calo del 5,46%. Movimento pronunciato al ribasso che fa seguito al +8% della vigilia dettato dall’arrivo di Pier Carlo Padoan in Unicredit come futuro presidente, interpretato da alcuni come possibile sponda a una trattativa che convinca la banca di piazza Gae Aulenti ad accettare di accollarsi MPS.

Oggi a pesare sul titolo MPS ci sono le indiscrezioni di stampa che vedono il Governo trattare con Bruxelles per posticipare il termine ultime per l’uscita dal capitale della banca senese, attualmente fissato al 2021. Si potrebbe così aprire uno scenario di altri due anni di Mps sotto il controllo statale che andrebbe a spegnere ogni appeal di M&A nel breve periodo.