Notizie I francesi di Ppr lanciano un’Opa su Puma

I francesi di Ppr lanciano un’Opa su Puma

Il gruppo Pinault-Printemps-Redoute (Ppr) è pronto a mettere le mani su Puma. Dopo le indiscrezioni che si erano rincorse nella scorsa settimana, il colosso del lusso francese butta giù la maschera. Ppr ha, infatti, acquistato il 27,1% di Puma. Il gruppo che controlla la maison Gucci, come si legge in una nota, ha precisato di aver raggiunto un accordo con la holding Mayfair della famiglia Herz per l’acquisto della loro quota al prezzo di 330 euro ad azione. Un’operazione del valore complessivo di 1,4 miliardi.


Secondo il figlio del fondatore e numero uno del gruppo Ppr, Francois-Henri Pinault, questa mossa è una nuova e importante opportunità di sviluppo e al tempo stesso una tappa di crescita molto redditizia. Ppr è il partner giusto per sostenere lo sviluppo della società sportiva tedesca.


Ma i piani del big transalpino da 18 miliardi di volume d’affari non finiscono qui. Si accinge, infatti, a lanciare un’Offerta pubblica di acquisto (Opa) amichevole da 5,3 miliardi. L’operazione, che sarà conclusa entro l’inizio del mese di luglio, secondo la galassia di Pinalut avrà un impatto finanziario positivo, in termini di accelerazione della crescita della cifra d’affari e in termini di miglioramento della redditività .
Secondo Ppr, l’acquisizione di Puma è coerente nell’ottica della strategia di sviluppo dell’intero gruppo, che lo scorso anno ha ceduto le Printemps (la seconda P del suo nome), con una strategia che punta soprattutto all’internazionalizzazione, facendo affidamento suoi marchi mondiali e sulle attività di distribuzione.


In effetti, Puma, fondato nel 1948 e al terzo posto sulla scena mondiale dell’abbigliamento sportivo con un fatturato di 2,37 miliardi e 7800 impiegati, è da tempo considerato una preda appetibile e lo dimostra il fatto che i corteggiatori non sono mai mancati. In prima fila i diretti avversari come l’americana Nike, davanti alla cugina Adidas, nata nella stessa cittadina tedesca di Herzogenaurach.


L’interesse del gruppo francese ha messo le ali ai piedi a Puma. La società di sportswear teutonica guadagna l’8,98% a 343,28 euro per azione. In luce sulla Piazza parigina anche Ppr. Il titolo del gruppo guidato da Pinault è in crescita del 2,42%, scambiando a 132,06 euro per azione.