1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Ferrari, record in Borsa e anche in asta. Ferrari 250 GTO venduta a 41 milioni euro

QUOTAZIONI Ferrari

Il valore è superiore di oltre +25% rispetto al precedente prezzo record a cui era stata venduta all’asta un’auto d’epoca, qualcosa come quattro anni fa. Tanto che, stando a quanto …

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Salgono le quotazioni di Ferrari, e non solo in borsa: l’esemplare Ferrari 250 GTO con il numero di telaio 3413 è stato battuto all’asta per 41 milioni di euro nel corso del Monterey Car Week. Il valore è superiore di oltre +25% rispetto al precedente prezzo record a cui era stata venduta all’asta un’auto d’epoca, qualcosa come quattro anni fa. Tanto che, stando a quanto riporta Bloomberg l’indice dei prezzi delle Ferrari stilato da Hagerty, agenzia specializzata nelle assicurazioni di auto d’epoca, ha più che triplicato il suo valore nel corso dell’ultimo decennio, dunque più del +158% messo a segno dal mercato toro di Wall Street, che ha portato l’indice S&P a testare il record di tutti i tempi, lo scorso venerdì.
Il record delle quotazioni del modello Ferrari 250 è stato testato dopo che un capolavoro di Leonardo Da Vinci è stato venduto per $450 milioni, il massimo per un’opera d’arte.

Commentando i numeri Shane Oliver, strategist degli investimenti presso AMP Capital Investors, autrice di una tesi PhD sull’efficienza dei mercati e sulle bolle speculative degli asset, ha affermato che “l‘esuberanza è tornata in modo importante”.
Invitando gli investitori alla cautela. Il fatto che la gente stia pagando cifre record per le Ferrari, per le opere d’arte e che i mercati azionari siano ai massimi storici, mi induce a essere un po’ più cauta.

Considerando anche i dividendi che sono stati reinvestiti, a partire dalla fine del 2009 Ferrari ha riportato un incremento del suo valore di qualsiasi altra società americana quotata in borsa sebbene la spinta si sia esaurita nel corso degli ultimi tre anni e le azioni americani abbiano sovraperformato.
Lo scorso venerdì l’indice S&P 500 ha testato un nuovo massimo storico, volando a 2.874,69 punti, rompendo la fase di siccità record che viveva dallo scorso 26 gennaio.  L’indice stamattina ha testato un nuovo valore massimo a livello intraday, dalendo dello 0,5% appena dopo l’avvio dei mercati, fino a 2.888,84 punti.