1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Credit Suisse: perdita netta di 353 milioni di franchi in IV trimestre, pesano accantonamenti dispute legali Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Credit Suisse ha chiuso il quarto trimestre del 2020 con una perdita netta di 353 milioni di franchi svizzeri, minore del rosso di 558,5 milioni atteso dagli analisti di Refinitiv. Il numero uno del colosso bancario svizzero, l’amministratore delegato Thomas Gottstein, ha commentato in una nota che, “nonostante il contesto sfidante per le società e le economie nel corso del 2020, abbiamo assistito a una solida performance sottostante nelle divisioni di gestione dei patrimoni e di Investment Banking, facendo fronte a problemi di portata storica”.

Nell’intero 2020 Credit Suisse ha incassato un utile netto di 2,7 miliardi di franchi.

La banca aveva già informato i mercati della perdita che avrebbe sofferto nel quarto trimestre, dopo aver accantonato $850 milioni a fronte di dispute legali negli Stati Uniti. La scorsa settimana, Credit Suisse ha chiuso un contenzioso in Usa accettando di pagare $600 milioni.

Guardando ad altre voci di bilancio relative al quarto trimestre del 2020, il CET 1 ratio è salito al 12,9% dal 12,7% del quarto trimestre del 2019, mentre il fatturato è sceso a 5,2 miliardi di franchi svizzeri, dai 6,2 miliardi dello stesso trimestre dell’anno precedente.

Le spese operative totali sono state pari a 5,2 miliardi, in rialzo rispetto i 4,8 miliardi della fine del 2019.