1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Comprare una Tesla in bitcoin, da oggi si può. L’annuncio di Musk dà nuovo slancio alla criptovaluta

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo aver investito 1,5 miliardi in Bitcoin, Elon Musk passa dalle parole ai fatti e annuncia che da oggi si potrà comprare una Tesla con la moneta digitale. La casa automobilistica californiana il mese scorso ha rivelato di aver acquistato 1,5 miliardi di dollari di bitcoin annunciando al contempo che presto avrebbe iniziato ad accettare la criptovaluta più popolare del mondo come forma di pagamento.
Ed ora l’istrionico imprenditore sudafricano compie il grande passo e via Twiter annuncia che si potrà comprare una Tesla con Bitcoin. Attualmente, solo i clienti statunitensi saranno in grado di acquistare una Tesla con la criptovaluta più famosa al mondo, anche se Musk ha aggiunto che i pagamenti in bitcoin saranno disponibili anche al di fuori degli Stati Uniti sempre quest’anno.

Musk ha aggiunto che Tesla per accettare il pagamento in Bitcoin, Musk sta usando “software interno” e “open source”. Elon Musk ha voluto sottolineare che i pagamenti con la criptovaluta saranno trattenuti dall’azienda in Bitcoin e non saranno convertiti in moneta tradizionale, , aggiungendosi così ai $ 1,5 miliardi di bitcoin acquistati da Tesla il mese scorso.

Bitcoin riavvicina i record

Un annuncio che aveva fatto impennare la criptovaluta a nuovi record. Attualmente la valuta digitale viaggia comunque su livelli elevati intorno ai 56mila dollari. “La decisione di Tesla di accettare il pagamento delle sue auto in bitcoin e di tenere il bitcoin nel suo bilancio, piuttosto che convertirlo in dollari, probabilmente darà più slancio alla criptovaluta”, ha detto Simon Peters, analista di eToro. “Tesla e altre aziende stanno dimostrando che la criptovaluta è qui per rimanere, e la sua adozione è solo destinata ad aumentare. In termini di dinamiche di mercato, come più aziende detengono bitcoin nel loro bilancio, così l’offerta si esaurirà ancora di più, e questo probabilmente causerà una compressione dell’offerta e aumenterà i prezzi nel lungo termine.”