1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

CDP, conclusa emissione obbligazionaria “Social” da 750 mln€

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Cassa depositi e prestiti (CDP) ha lanciato ieri sul mercato dei capitali un nuovo Social Bond, coerente con le linee guida emesse dall’International Capital Markets Association (ICMA). In una nota la società guidata da Fabrizio Palermo informa che “la raccolta riveniente da tale emissione sarà utilizzata per finanziare e/o rifinanziare, in tutto o in parte, i cosiddetti eligible projects individuati e/o da individuare in conformità ai Social Bond Principles pubblicati dall’ICMA”.

L’emissione, del valore nominale di 750 milioni di euro, a tasso fisso, non subordinata e non assistita da garanzie, è destinata a investitori istituzionali e segue l’emissione del Sustainability Bond emesso lo scorso settembre. “Sulla base del riscontro positivo del mercato e dell’ammontare degli ordini ricevuti (oltre 2 volte l’offerta), il prezzo dell’operazione si è attestato a 195 punti base sopra il tasso mid-swap di riferimento, inferiore di circa 15 punti base rispetto alla guidance iniziale”, si legge in un comunicato nel quale si precisa che l’emissione, rivolta principalmente ai cosiddetti Socially Responsible Investors, è stata accolta da oltre 100 investitori con una forte presenza di investitori esteri.

I proventi dell’emissione saranno destinati alla costruzione, ristrutturazione, messa in sicurezza e adeguamento antisismico di immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica di ogni ordine e grado – dalla scuola dell’infanzia all’università – e alla riqualificazione urbana, tra l’altro, attraverso iniziative volte a migliorare le condizioni di vita di quelle aree in cui sono riscontrabili fenomeni di degrado, disagio sociale e scarsa sicurezza.
Quanto alla tipologia degli investitori, il 54% dei sottoscrittori è stato rappresentato da istituzioni bancarie, il 25% da fondi d’investimento e da società di gestione, il 15% da compagnie assicurative e il rimanente 6% da banche centrali e altri investitori.

I titoli, che saranno negoziati presso la Borsa del Lussemburgo, hanno lo stesso rating a medio-lungo termine di CDP, allineato a quello della Repubblica Italiana e pari a BBB (negativo) per S&P, Baa3 (stabile) per Moody’s, BBB (negativo) per Fitch e BBB+ (stabile) per Scope.