1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Carige, parla Maccarone (Fitd) presenta il ‘compratore ideale’. Cosa succede ora dopo decisione Ccb

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il report odierno di Mediobanca Securities mette in risalto l’intervista, pubblicata nel fine settimana, che il presidente del Fondo interbancario di tutela dei depositi ha rilasciato al Sole 24 Ore. Così Salvatore Maccarone: “La decisione di Cassa Centrale ci ha rammaricati, ma non cambia certamente i nostri programmi”. Carige, di cui il Fondo è maggiore azionista con una quota dell’80%, rimane in vendita. Il compratore ideale? il compratore ideale?

“Un soggetto che per le sue caratteristiche e modelli di attività sia in grado di valorizzare la dote di cui Carige dispone – ha detto Maccarone – In questo anno si annunciano operazioni importanti di consolidamento e aggregazione e noi siamo convinti che nell’ambito di queste Carige potrebbe rappresentare un tassello importante, anche con la sua storia e con il suo legame, che mi fa piacere credere si sia rinsaldato, con il territorio di riferimento”.

Maccarone ha precisato nell’intervista che presto avrà inizio un nuovo processo di vendita, senza però deadline fisse, per la vendita dell’80% in mano al fondo. Nelle trattative con Ccb, ha precisato ancora, non è stato menzionato alcuna operazione di aumento di capitale. Mediobanca calcola un CET-1 phased-in pari al 12,8% nel 2020 e un NPE ratio successivo agli smobilizzi pianificati del 5% circa, su base lorda. Lo stesso Maccarone ha spiegato che “al 31 dicembre 2020 il patrimonio (di Carige) è risultato “al di sopra dei coefficienti di vigilanza”, aggiungendo che “la politica di razionalizzazione dei costi è in linea con i programmi e ha già condotto a un miglioramento significativo del rapporto cost income”.

“Ciononostante – ha ribadito Maccarone – abbiamo la consapevolezza che Carige abbia bisogno di un compagno di viaggio e non possa proseguire in autonomia nel suo cammino”.

poi magari guarda per news o se ci sta far altro