1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Carige, domani il D-Day: banca mette a disposizione informazioni integrative come da richiesta Consob (1)

QUOTAZIONI Bca CarigeBca Carige R
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Grande attesa per il D-Day di Carige, che arriverà domani, venerdì 20 settembre, con l’assemblea straordinaria chiamata a esprimersi sull’operazione di rafforzamento patrimoniale da 900 milioni di euro, che comprende un aumento di capitale da 700 milioni.

Nella serata di ieri Carige ha emesso una nota, comunicando, in linea alla richiesta “pervenuta da Consob in data 12 settembre 2019”, “le seguenti informazioni integrative della documentazione già messa a disposizione dei Soci in vista dell’Assemblea straordinaria convocata per la data del 20 settembre 2019”.

Le informazioni integrative sono disponibili di seguito e, precisa la nota, anche nel “proprio sito internet all’indirizzo www.gruppocarige.it, sezione Governance / Assemblee”.

Con riferimento alla richiesta di Consob di indicare “le considerazioni dei Commissari Straordinari in ordine alla congruità della manovra di Rafforzamento Patrimoniale anche alla luce dell’andamento della gestione del Gruppo Carige registrato successivamente al 30 giugno 2019”, Carige risponde che “la manovra di Rafforzamento Patrimoniale è finalizzata a rimettere in sicurezza la Banca e provvedere al suo rilancio nelle aree territoriali in cui opera, sulla base del Piano Strategico predisposto dai Commissari Straordinari, la cui implementazione, in tutte le sue componenti, costituisce il presupposto per il raggiungimento degli obiettivi di patrimonializzazione, di redditività e di efficienza”.

“Il dimensionamento dell’Aumento di Capitale è stato determinato in funzione del ripristino dei requisiti patrimoniali, imposti dall’Autorità di Vigilanza, tenuto conto anche delle operazioni previste nell’ambito del Rafforzamento Patrimoniale, con particolare riferimento al derisking richiesto da BCE con il provvedimento di Commissariamento. Il Rafforzamento Patrimoniale previsto dal Piano Strategico 2019-2023, approvato dai Commissari Straordinari il 26 luglio u.s. e condiviso con il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi ai fini della stipula dell’Accordo Quadro del 9 agosto 2019, permetterà al Gruppo di rispettare in maniera continuativa i limiti patrimoniali di vigilanza indicati dall’Autorità di vigilanza Europea. I Commissari Straordinari confermano la congruità della manovra di Rafforzamento Patrimoniale anche sulla base della valutazione dei fatti di rilievo intervenuti e dell’andamento gestionale registrato successivamente alla chiusura contabile del 30 giugno 2019.
Tale manovra di Rafforzamento Patrimoniale, di cui ad oggi si conferma il contenuto, rappresenta elemento fondamentale della valutazione dei Commissari in merito all’esistenza del presupposto della continuità aziendale, presupposto alla base della redazione della Situazione economico patrimoniale al 30 giugno 2019, sulla quale la Società di Revisione ha emesso la propria relazione di revisione limitata in data 30 agosto 2019. Successivamente al 30 giugno 2019 non sono pertanto emersi nuovi elementi, in particolar modo con riferimento alle previsioni sull’andamento della gestione, in grado di alterare le valutazioni di congruità della manovra di Rafforzamento Patrimoniale alla base del Piano Strategico”.

(Segue)