1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Cancellazione debiti e idea Sassoli, Panetta (Bce) dice no: ‘viola Trattati e avrebbe effetti destabilizzanti’

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Anche Fabio Panetta, esponente italiano del board esecutivo della Bce, si oppone fermamente all’idea di una cancellazione dei debiti accumulatisi durante la crisi della pandemia da Covid-19.

Alla domanda del giornalista del quotidiano portoghese Expresso, che lo ha intervistato chiedendogli cosa ne pensasse dell’idea del presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, di rendere permanente il Recovery Fund, o di dar vita a un debito europeo e perfino cancellarlo, Panetta ha così risposto:

“Muoversi verso una integrazione europea più profonda è altamente desiderabile. Si tratta di uno sviluppo naturale dell’Unione monetaria. Dovremmo tenere in mente che, a seguito dell’approvazione, questa estate, del Next Generation EU, i paesi dell’area euro hanno fatto un grande passo nell’avvicinarsi a una integrazione fiscale più forte. I paesi hanno anche creato la legittima aspettativa di una risposta comune fiscale, nel momento in cui si dovesse ripresentare uno shock comune, in futuro. Non so quanto impiegheremo a fare ulteriori progressi. La mia speranza è che, quando ci guarderemo indietro, guarderemo al 2020 come a un punto di svolta nella strada verso l’integrazione europea”

Tornando alla questione della cancellazione dei debiti da parte della Bce – ipotesi rilanciata nelle ultime ore dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro (M5S) – Panetta ha risposto che fare una cosa del genere significherebbe contravvenire ai Trattati.

“Dobbiamo ricordare che tutti i debiti sono crediti. Se cancelliamo un debito, cancelliamo il credito corrispondente e ciò potrebbe avere conseguenze più ampie e destabilizzanti. Soltanto la crescita può proteggerci dal debito”.