1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Canale di Suez: si allungano i tempi per liberare la nave incagliata. Commercio in tilt

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ci vorrà almeno mercoledì prossimo per vedere la grossa nave container Ever Given rimossa dal canale di Suez dove si è incagliata diagonalmente causando un ingorgo nei traffici commerciali non da poco. Il compito di rimettere a galla la nave da 200.000 tonnellate, ancora saldamente incastrata attraverso la vitale rotta commerciale marittima, richiederà circa una settimana di lavoro e forse anche più tempo come hanno sottolineato persone vicine a Bloomberg.
Inizialmente ci si aspettava che le operazioni di salvataggio sarebbero durate un paio di giorni. Il lavoro di rimorchiatori e scavatori è stato finora stato infruttuoso nel tentativo di liberare la rotta, e la coda di navi da crociera in attesa, cariche di miliardi di dollari di petrolio e beni di consumo è salita a quasi 240 da 186 di mercoledì, secondo i dati di Bloomberg.
Se i container vengono lasciati a bordo della Ever Given, il lavoro per riportare la nave in viaggio di nuovo dovrebbe essere completato entro giovedì, aiutato da maree più alte, come ha sottolineato Randy Giveans, vicepresidente senior di Equity Ricerca di Jefferies LLC. Se il carico dovesse essere scaricato “allora il tempo di inattività potrebbe certamente durare almeno due settimane”, ha affermato l’esperto.
Nel frattempo le navi che dovevano attraversare il canale di Suez stanno iniziando costose e lunghe deviazioni intorno all’Africa con la conseguenza che i costi di spedizione stanno aumentando e il prezzo per spedire un container da 40 piedi dalla Cina all’Europa è quasi quadruplicato rispetto a un anno fa, aggiungendo un nuovo fardello alle catene di rifornimento globali, già provate da una pandemia che ha seminato il caos con carenze e ritardi.
Il blocco del canale di Suez sta attualmente trattenendo circa 2 milioni barili al giorno di flussi di petrolio, secondo le stime di Braemar, e ostacola le portarinfuse che spediscono prodotti dal grano al minerale di ferro. I produttori globali si stanno già preparando per i ritardi sia della spedizione di prodotti finiti, sia di materiali cruciali per le loro linee di produzione.
Caterpillar, il più grande produttore di macchinari degli Stati Uniti, ha affermato che sta affrontando ritardi nelle spedizioni e che sta anche considerando il trasporto aereo di prodotti se necessario, mentre la giapponese Envision AESC, fornitore di batterie per veicoli elettrici, ha detto che si affida al canale di Suez per alcune importazioni di elettrodi. Mark Ma, proprietario di Seabay International Freight Forwarding, società di Shenzhen che gestisce merci cinesi tra cui giocattoli, cuscini e materassi venduti su piattaforme come Amazon, ha detto che la sua azienda ha da 20 a 30 container sulle navi in attesa di attraversare il canale bloccato.
“Se la circolazione non riprende in una settimana, sarà terribile”, ha detto Ma “Vedremo le tariffe di trasporto aumentare di nuovo. I prodotti sono in ritardo e i container non possono tornare in Cina e non possiamo consegnare altre merci”.
Il problema si aggrava ogni giorno che le navi container devono aspettare. Le navi che arrivano con diversi giorni di ritardo non possono essere svuotate e ricaricate in tempo per fare il viaggio di ritorno previsto. Questo porta i vettori a cancellare i viaggi, limitando ulteriormente la capacità e spingendo verso l’alto le tariffe di trasporto.
La deviazione intorno al Capo di Buona Speranza in Sudafrica aggiungerebbe 6.000 miglia al viaggio e qualcosa come 300.000 dollari di carburante per una superpetroliera che trasporta il petrolio del Medio Oriente in Europa.