1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Titolo Bper soffre oggi, manovre Unipol e altri soci per nuovo Cda. Analisti convinti che banca sarà protagonista nell’M&A

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bper in coda al Ftse Mib al giro di boa di seduta con un calo dell’1,38% sotto quota 1,90 euro. Bper risulta comunque uno dei top performer del Ftse Mib in questo primo trimestre dell’anno con oltre +27%.

I grandi soci della banca intanto si muovono in vista del rinnovo del cda (l’assemblea è prevista il 21 aprile). Unipol, socio di riferimento della banca modenese con il 19%, ha depositato venerdì scorso la lista di candidati per la nomina del Consiglio di Amministrazione per il triennio 2021-2023. Lista che segna una totale discontinuità con l’attuale CdA guidato dall’ad Alessandro Vandelli. La lista di 7 candidati vede Piero Montani che sarà indicato per il ruolo di amministratore delegato. Tra i 7 nomi figura anche Gianni Franco Papa, fino al 2019 direttore generale di Unicredit, che potrebbe essere selezionato per il ruolo di presidente. Altra papabile per la poltrona di presidente è Flavia Mazzarella, ex vice direttrice dell’Isvap e attualmente presidente di Banca Finnat.

Attesa adesso per la lista di 5 nomi da parte della Fondazione Sardegna, socio di Bper al 10%.

“Crediamo che l’M&A sia il tema principale da giocare in Italia per quasi tutte le banche di medie dimensioni”, commentano oggi gli esperti di Mediobanca Securities che vedono Bper coinvolta e indicano una potenziale fusione Banco BPM-Bper vantaggioso sua a livello industriale che finanziario pe tutte le parti coinvolte. “Allo stesso tempo – aggiungono gli analisti di Piazzetta Cuccia – Banco ha un altro potenziale fronte di M&A in Unicredit dopo la partenza di Mustier, che dovrebbe continuare per supportare il titolo. Tutte le opzioni sono aperte in questa fase”.