1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borsa Tokyo ancora chiusa, azionario Asia resiste meglio ai Sell-Attack globali a parte Seoul

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Borsa Tokyo chiusa anche oggi, in occasione dei festeggiamenti dell’equinozio di autunno. Dopo il tonfo degli indici azionari europeo, innescato dal timore di nuove misure di lockdown nei diversi paesi colpiti dalla seconda ondata dei contagi di coronavirus, le vendite colpiscono anche l’area dell’Asia Pacifico, ma in misura minore.

La borsa di Shanghai cede lo 0,55%, Hong Kong perde lo 0,65%, Sidney fa -0,49%. Focus però su Seoul, che segna una caduta superiore a -2%.

Sotto pressione soprattutto i titoli delle compagnie aeree, come China Eastern Airlines -2% e China Southern Airlines (quasi -3%), quotate a Hong Kong come Cathay Pacific, anch’essa in ribasso.

Male a Seoul Korean Air Lines, che arretra di oltre -2%, mentre in Australia Qantas Airways fa -2,34%. Giù anche Singapore Airlines (-1,46%).

Attenzione a HSBC e Standard Chartered, i cui titoli hanno perso ancora dopo la notizia di ieri, relativa alla nuova inchiesta dell’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), che ha rivelato che, sulla base di più di 2.100 segnalazioni di attività sospette, tra il 1999 e il 2017 sono state identificate circa 2.000 miliardi di dollari di transazioni contrassegnate come possibile riciclaggio di denaro o altra attività criminale.

In cima alla lista figurano la tedesca Deutsche Bank AG con 1,3 trilioni di dollari di denaro sospetto, seguita dal colosso statunitense JP Morgan. Tra le banche coinvolte anche HSBC Holdings Plc, Standard Chartered Plc e Bank of New York Mellon.

Ieri sessione da dimenticare per le borse europee, e anche Wall Street chiuso negativa: il Dow Jones Industrial Average ha ceduto 509,72 punti (-1,8%), per chiudere a 27.147,70 punti. Lo S&P 500 ha perso l’1,2% a 3.281,06. Il Nasdaq Composite ha perso invece appena – 0,1% a 10.778.80. Ma lo S&P 500 ha chiuso la sua quarta sessione negativa per la prima volta dallo scorso febbraio, mentre il Dow Jones ha sofferto la perdita più forte dallo scorso 8 settebre.