1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Banche accompagnano rimbalzo di Piazza Affari, male TIM

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Rimbalzo corposo per Piazza Affari che si accoda all’umore positivo dei maggiori listini globali che hanno reagito bene dopo il sell-off della vigilia. In chiusura l’indice Ftse Mib ha guadagnato l’1,78% a quota 18.815 punti sotto la spinta del recupero del settore bancario. Le buone indicazioni arrivate dalla trimestrale di UBS hanno contribuito a riportare il sereno sul settore così come le parole di Salvini che ha confermato l’apertura a un sostegno alle banche in caso di necessità. Nei giorni scorsi il sottosegretario alla presidenza del consiglio Giancarlo Giorgetti aveva affermato che con spread a 400 sarebbe scattato il rischio aumenti per le banche e in tal caso servirà un intervento repentino. Ieri sera il ministro Tria ha avvertito che il livello elevato dello spread è rischioso soprattutto per le banche.
Nessuna novità, come da copione, dalla Bce, con tassi fermi a zero e QE che si concluderà a fine anno. Mario Draghi ha dovuto rispondere aa molte domande sull’Italia e si è smarcato palesando fiducia in un dialogo tra Roma e Bruxelles. Draghi ha poi sottolineato che non è compito della Bce finanziare il deficit, visto che la banca centrale si occupa di politica monetaria, e non di politica fiscale.
Tra le banche rialzi consistenti per le big Unicredit (+2,24%) e Intesa Sanpaolo (+2,76%) che si sono così risollevate dai minimi a circa 2 anni. Maglia rosa di giornata è stata Mediobanca che è arrivata a guadagnare il 5% in scia ai conti trimestrali oltre le attese. La merchant bank milanese ha visto l’utile netto scendere del 18% a 245 mln nel primo trimestre dell’esercizio 2018-19 che si confronta con l’analogo trimestre 2017-18 che includeva delle poste straordinarie. Riscontri oltre le attese del mercato (consensus Bloomberg a 219,2 mln).

Bene Moncler (+2,34%) che ha accolto bene i dati dei primi nove mesi del 2018 i ricavi consolidati di Moncler sono saliti del 18% a 872,7 milioni di euro (+23% a tassi di cambio costanti). Nel solo terzo trimestre il rialzo del fatturato a tassi costanti è stato del 18%.

Tra i pochi segni meno si segnala TIM, scesa dell’1,64%.