1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Anima Holding: titolo scatta di oltre +4% dopo commenti ceo su M&A e dati raccolta netta

QUOTAZIONI Bca MpsBanco BpmBca Pop SondrioBper BancaAnima Holding
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Positivo il trend di Anima Holding che sale di oltre +4% a 2,94 euro dopo le dichiarazioni rilasciate da Alessandro Melzi d’Eril, nominato di recente nuovo amministratore delegato del gruppo, in un’intervista al Sole 24 Ore. Così gli analisti di Banca Imi nella nota di oggi:

“Anima ha confermato il proprio interesse verso le opportunità potenziali di consolidamento nel settore (del risparmio gestito) con un’attenzione alla distribuzione nel mercato interno (Arca SGR è stata menzionata ancora nell’intervista), e con un occhio alle nuove potenziali opportunità (azionario globale e bond, fondi flesibili e multi-asset) all’estero”.

Così il nuovo ceo al quotidiano di Confindustria:

“Occorrerà tempo e dipenderà da quanto a lungo si protrarrà questa situazione, da come si uscirà dal blocco delle attività o da eventuali ricadute, ma una cosa è certa: i segni del passaggio del coronavirus rimarranno sul Paese e sul nostro settore, anche dopo il graduale rientro alla normalità – ha detto , aggiungendo che la crisi “potrebbe anche accelerare il processo di aggregazione già in atto nel risparmio”.

Confermato l’interesse per Arca Sgr:

“Così come noi abbiamo relazioni forti con Banco Bpm e Monte Paschi, Arca le ha con Bper e Popolare Sondrio. Eventuali operazioni che unissero questi gruppi potrebbero anche avvicinarci, dato che le fabbriche di prodotto restano in fondo a servizio dei gruppi bancari e li seguono nel destino attraverso il processo di consolidamento in atto nel settore”.

In particolare, l’AD ha detto che Anima può “guardare al settore europeo con l’ottica di acquisire ulteriori competenze nell’ambito di azionario e obbligazionario globale, oppure fondi flessibili e multi asset”.

Banca IMI ha un rating ‘ADD’ su Anima, con un target price a 5,4 euro.

Nella nota, gli analisti hanno ricordato anche che, nel marzo del 2020, Anima Holding ha riportato flussi in entrata positivi, su base netta, pari a 273 milioni di euro (escluse le deleghe assicurative di Ramo I), portando il totale del primo trimestre a crescere di 421 milioni. Le masse totali gestite sono ammontate a 176,53 miliardi di euro alla fine di marzo, in calo però rispetto ai 185,69 miliardi della fine del 2019 e ai 185,72 miliardi della fine di febbraio, a causa delle condizioni negative dei mercati e alla elevata volatilità”. Gli analisti commentano la notizia sottolineando che “i risultati mettono in evidenza che i risultati positivi riportati a marzo da Anima sono stati sostenuti da un nuovo mandato istituzionale (già comunicato lo scorso 5 marzo del 2020), per un valore di 700 milioni di euro”.

(