1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Altro che reflation trade, tassi Treasuries 10y sotto 1,30% post minute Fed, minimo da febbraio. Saxo Bank presenta ‘ticking bond’

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Timore inflazione Usa? Reflation trade? Niente di tutto questo, tutt'altro: a seguito della pubblicazione delle minute del Fomc, il braccio di politica monetaria della Fed, relative all'ultimo meeting della Federal Reserve del 15-16 giugno, e in attesa della pubblicazione del report settimanale delle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione, i tassi dei Treasuries decennali scendono all'1,2666%, bucando anche la soglia dell'1,30%, scivolando al minimo da febbraio. I tassi a 30 anni capitolano all'1,899%. Su Twitter, la strategist della divisione del reddito fisso di Saxo Bank Althea Spinozzi fa notare anche che i tassi reali dei corporate bond Usa high yield sono diventati negativi, parlando di ticking bond.

Riguardo al dato sul lavoro Usa - che sarà reso noto alle 14.30 ora italiana -, gli economisti intervistati da Dow Jones prevedono che, nella settimana terminata il 3 luglio scorso, il numero dei lavoratori Usa che hanno fatto richiesta per la prima volta per ricevere i sussidi sia stato pari a 350.000 unità.

Sulle minute della Fed, i toni hawkish non sono mancati, visto che alcuni funzionari della banca centrale americana hanno rilevato che le condizioni per avviare un tapering del Quantitative easing sono state "in qualche modo centrate prima di quanto anticipato".

Detto questo, molti analisti ritengono che il tono delle minute non sia stato eccessivamente da falco, in quanto "diversi esponenti (del Fomc) hanno detto di ritenere che l'economia sia ancora lontana dal raggiungere l'obiettivo di massima occupazione".

Da segnalare che dal dot plot della riunione di metà giugno della Fed -documento che indica le aspettative di ciascun esponente del Fomc -è emerso che le aspettative della banca centrale Usa guidata da Jerome Powell sono, in media, di due rialzi dei tassi nel 2023.

La Fed ha d'altronde rivisto al rialzo le stime sulla crescita dell'inflazione Usa a +3,4% quest'anno, ben oltre il +2,4% atteso nel precedente outlook.

Tuttavia la cautela sulla sostenibilità della ripresa dell'economia americana permane: "I progressi nelle vaccinazioni continueranno probabilmente a ridurre gli effetti della crisi sanitaria (scatenata dalla pandemia Covid-19) sull'economia (Usa), ma i rischi sull'outlook economico sono rimasti, si legge ancora nei verbali. Certo, "i dati macro relativi all'attività economica e all'occupazione si sono rafforzati". Tuttavia, la maggior parte degli esponenti del Fomc ha rilevato che l'economia Usa debba ancora centrare la definizione di "ulteriore progresso significativo" che la Fed ha stabilito per giustificare un eventuale cambio di politica monetaria.

"I partecipanti (del Fomc) hanno concordato sulla necessità di continuare a monitorare i progressi dell'economia verso gli obiettivi della Commissione, e a iniziare a discutere sui piani volti ad aggiustare il percorso e la composizione degli acquisti di asset (Quantitative easing). In più, gli stessi "hanno reiterato la loro intenzione di dare indicazioni (su eventuali modifiche di politica monetaria) molto in anticipo rispetto all'annuncio con cui verrà comunicata la riduzione degli acquisti" di asset.

Ancora, i membri del Fomc "hanno attribuito la sorpresa al rialzo dell'inflazione alle limitazioni sull'offerta di prodotti e di lavoro più diffuse di quanto anticipato in precedenza e a un balzo più sostenuto delle attese della domanda dei consumatori, avvenuto con la riapertura dell'economia".

"La maggior parte dei partecipanti ha osservato che i fattori principali che hanno contribuito all'aumento dell'inflazione sono arrivati da settori colpiti da problemi nell'offerta o da quei settori in cui i livelli dei prezzi stavano recuperando da valori che erano stati depressi dalla pandemia. Molti partecipanti hanno rimarcato che le limitazioni che hanno colpito la catena di approviggionamento e le carenze dei fattori input faranno salire la pressione sui prezzi fino all'anno prossimo".

In ogni caso "alcuni - si legge ancora nei verbali - hanno notato che i dati sulle aspettative di inflazione di più lungo termine sono rimasti all'interno dei range ampiamente in linea con gli obiettivi (di inflazione della Fed)".