1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Casa ›› 

Affitti stanze: proprietari aprono a sconti sui canoni, marcia indietro dei prezzi differisce da città a città

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il mercato degli affitti conferma il momento delicato con l’effetto Covid che ha alterato notevolmente la dinamica di domanda e offerta Se a livello di prezzi si conferma il clima di attesa, con i proprietari che non abbassano i canoni per capire come si evolverà la situazione del Paese, domanda e offerta vanno in direzioni diametralmente opposte. I dati relativi all’ultimo semestre (marzo – settembre 2020) registrati dall’Osservatorio di Immobiliare.it e Mioaffitto.it, evidenziano un’offerta di appartamenti in locazione in aumento ovunque, con il record di Milano che in sei mesi l’ha vista gonfiarsi del 68,7%; dall’altra la domanda è in calo ovunque e tiene solamente nel capoluogo lombardo.

Osservando la situazione a Milano, se negli ultimi studi la richiesta di appartamenti in affitto aveva superato quella di immobili in vendita e continuava a crescere a ritmi molto sostenuti, in sei mesi la fotografia scattata vede solo un +0,5%. Non si è, però, ancora assistito a un calo dei prezzi che questo quadro poteva far presagire. La variazione semestrale si è infatti fermata a +1%, sintomo di un atteggiamento di prudenza e attesa da parte dei proprietari, ancora non convinti a procedere col ribasso dei canoni e speranzosi in una veloce ripresa dell’economia. Ciò comporta che a Milano gli affitti restino esosi: per un bilocale da 65 metri quadri si spendono in media 1.267 euro al mese.

Sull’andamento dei prezzi indicazioni di parziale cedimento arrivano nel segmento delle stanze affittate agli studenti fuori sede. In questo caso è Solo Affitti a segnalare che già a luglio si era visto un trend che indicava un leggero calo (-2%) dei costi per le stanze, con alcune città come Milano, Roma e Napoli, in cui, al contrario, si registrava un aumento, e una generale richiesta di riduzione del canone fatta ai proprietari di casa (75% dei casi). Da fine agosto in avanti la situazione sta cambiando, con una parziale ripresa del mercato, favorita anche da un più consistente ribasso dei prezzi in diverse città.

Le città in cui nelle ultime settimane è stata rilevata una maggiore disponibilità dei proprietari a praticare ribassi rispetto ai canoni di affitto, pur di agevolare incentivare gli studenti a prendere in affitto una stanza, sono Pavia, Pisa, Siena, Trieste, Catanzaro. Anche diverse agenzie Solo Affitti di Roma, Firenze e Torino rilevano una maggiore disponibilità al ribasso degli affitti, pur se la tendenza non è unanime nella città. Non si rileva, invece, alcuna disponibilità a ribassare i canoni a Milano, Bologna, Napoli, Cagliari, Rimini, Modena. In generale, circa i 2/3 delle agenzie rilevano una disponibilità dei proprietari a praticare uno sconto sui canoni delle stanze tra i 25 € e i 50 € mensili, 1/6 delle agenzie segnala sconti inferiori, 1/6 rileva sconti anche superiori.