Banche: situazione delicata per gli istituti italiani, il sentiment di fondo resta negativo
La seduta di oggi è stata caratterizzata dal prosieguo del rimbalzo cominciato ieri, che ha portato l'indice FTSE Mib a registrare al momento un rialzo del 2,12% a 15.930 punti.  I maggiori protagonisti delle sedute successive allo scos...
Saldi estivi 2016 al via 2 luglio, banco di prova per ripresa consumi
Tutto pronto per l'avvio dei saldi estivi 2016 che partiranno il prossimo 2 luglio in tutte le principali città italiane. Per la prima con data unificata su tutto il territorio nazionale, ad eccezione della Sicilia che anticiperà l'avvio a venerdì ...
Brexit: e' arrivato il momento del bail-out per le banche italiane? (analisti)
Brexit, banche italiane. E' arrivato il momento del bail-out?".  E' questo il titolo del report pubblicato questa mattina a cura di Yann Quelenn, analista di Swissquote che spiega, almeno parzialmente, il ritrovato ottimismo sul c...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
12311 Ultima

  1. #1
    L'avatar di derekz
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    22150195

    Fondo pensione Perseo per dipendenti pubblici

    Qualcuno lo ha analizzato?

    Fondoperseo.it

    Cosa ne pensate?

  2. Stanco della Pubblicità? Registrati

  3. #2
    L'avatar di DoctorT
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    1,057
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    17 Post(s)
    Potenza rep
    21081867
    ci sto pensando ;-)

    a occhio sembra avere qualche svantaggio rispetto ai normali fondi pensione di categoria o aperti ma come dipendente degli enti locali le possibilità sono 3

    1) fai Perseo
    2) fai un PiP
    3) fai tutte e 2 le cose insieme

    a me interesserebbe aderire per ritirare il capitale al momento del pensionamento ma sembra che ci siano delle penalizzazioni dal punto di vista fiscale che però non sono riuscito a capire bene ... c'è qualcuno che me le sa spiegare ?

    poi per chi era in servizio nel 2001 c'è da valutare anche il discorso del passaggio al regime del TFR

    insomma la valutazione si dovrebbe fare caso per caso ma è sempre una opportunità in più

  4. #3
    L'avatar di derekz
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    539
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    22150195
    CONTRIBUTO DELL’AMMINISTRAZIONE
    Versando, oltre al Tfr, un contributo pari all’1% della retribuzione utile al calcolo del Tfr , si ha diritto al versamento da parte del proprio datore di lavoro di un ulteriore 1%.

    ULTERIORI ACCANTONAMENTI PER GLI ASSUNTI PRIMA DEL 1 GENNAIO 2001
    Per i lavoratori pubblici assunti prima del 1 gennaio 2001 che decidono di aderire a Perseo e di trasformare, contestualmente, l’Indennità Premio di Servizio in godimento in Tfr, è prevista un’ulteriore quota di accantonamento pari all’1,5% della base contributiva vigente ai fini IPS (80% della retribuzione utile).


    DEDUCIBILITÀ
    I dipendenti pubblici possono dedurre dal reddito imponibile IRPEF i contributi versati al Fondo (sia da parte del lavoratore che da parte dell’Amministrazione) con un limite pari al minore importo risultante tra:
    - Il 12% del reddito annuo complessivo
    - 5.164,57 €
    - Il doppio del Tfr versato a Perseo per i redditi da lavoro dipendente
    Il Tfr e l’ulteriore accantonamento dell’1,5% per i lavoratori assunti a tempo indeterminato prima del 1 gennaio 2001 sono esenti dall’IRPEF e non concorranno, perciò, a costituire l’importo, complessivamente deducibile.


    %TFR VERSATA

    Assunti dopo 31 dicembre 2000
    100%

    assunti prima del 1 Gennaio 2001
    28,94% (opzionale)

  5. #4
    L'avatar di DoctorT
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    1,057
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    17 Post(s)
    Potenza rep
    21081867
    La pensione complementare è soggetta a tassazione ordinaria per la parte relativa alle quote di Tfr
    conferite al fondo, ai contributi dedotti e al netto dei rendimenti finanziari realizzati già assoggettati a
    tassazione e, laddove presenti, delle quote contributive non dedotte in quanto eccedenti i
    summenzionati limiti di deducibilità.
    Le rivalutazioni della pensione complementare nella fase di erogazione della prestazione sono tassate
    con imposta sostitutiva nella misura del 20%, ad eccezione della parte di rivalutazione corrispondente
    a riserve matematiche investite in titoli di Stato che è, invece, tassata al 12,50%.
    La prestazione pensionistica erogata sotto forma di capitale è soggetta a tassazione separata con
    aliquota calcolata dal Fondo Pensione prendendo come reddito di riferimento l'importo da liquidare
    in capitale, al netto dei rendimenti e dei contributi già tassati, dividendo questo ammontare per il
    numero di anni o frazione di anno di effettiva contribuzione e moltiplicando il risultato per dodici.
    Se l'importo liquidato in capitale è superiore ad 1/3 del montante maturato dall'associato, l'imposta si
    applica sull'importo da liquidare al netto degli eventuali contributi eccedenti i summenzionati limiti
    fiscali percentuali o assoluti.
    Qualora gli importi liquidati in capitale siano non superiori ad 1/3 del montante maturato
    dall'associato, l'imposta si applica sull'importo maturato, al netto dei rendimenti finanziari già tassati
    e dei contributi eccedenti i limiti stabiliti. Questa stessa modalità di calcolo della base imponibile si
    applica, anche se la prestazione in capitale è superiore ad 1/3 della posizione maturata, in presenza
    delle seguenti situazioni:
    • l'associato ha optato per la liquidazione dell'intera posizione pensionistica in capitale (facoltà
    riconosciuta al lavoratore associato nel caso in cui l'importo annuo della rendita vitalizia
    risulti inferiore a quello dell'assegno sociale) a condizione che la prestazione periodica che si
    otterrebbe convertendo in rendita i 2/3 del montante maturato sia inferiore al 50%
    dell’assegno sociale;
    • il riscatto avviene a seguito di pensionamento, o per cessazione del rapporto di lavoro per
    mobilità o per altre cause non dipendenti dalla volontà delle parti;
    • il riscatto è esercitato dagli aventi diritto in caso di morte del lavoratore associato.


    c'è qualcuno che riesce a capire quanto sarà la tassazione in caso di liquidazione dell'intero capitale ?

  6. #5

    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    1,382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    16850753
    Salve a tutti

    mi permetto di consigliare una lettrue anche di questo
    Previdenza Integrativa:Analisi prodotti + case study - Pagina 31 - I Forum di Investireoggi

    per gli aspetti fiscali vedi
    Previdenza Integrativa:Analisi prodotti + case study - Pagina 31 - I Forum di Investireoggi

    attenzione sono promesse non certezze se cambia la normativa non è detto che non sia retroattiva

  7. #6
    L'avatar di DoctorT
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    1,057
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    17 Post(s)
    Potenza rep
    21081867
    grazie Dark Pool ... ho guardato il primo link interessante ma non è specifico per i fondi pensione pubblici

    il secondo link è uguale al primo ...

  8. #7

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    13
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    1773559
    Consiglio di visitareil sito del Prof. Beppe Scienza.
    Ricopio dal suo sito le conclusioni de «La destinazione del TFR: un modello di simulazione»: tesi con cui Livio Nervo ha conseguito all'Università di Torino la laurea specialistica in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari il 31-3-2011 con 110 e lode
    Nella presente ricerca si è potuto constatare come le decisioni in ambito previdenziale peseranno sempre di più sui singoli individui, soprattutto grazie alla riforma del 2005. L’analisi e le simulazioni effettuate tentano di offrire indicazioni riguardo alla destinazione del TFR, in particolare sulla convenienza tra conferirlo ad una forma pensionistica oppure mantenerlo presso il datore. Al termine dello studio è possibile affermare che non esiste una risposta univoca e definitiva, in quanto la convenienza è determinata dalla combinazione di più fattori che possono spostare il giudizio verso una delle due strade percorribili. Il fattore determinante è certamente il rendimento futuro che sarà conseguito dai fondi pensione, ma, indipendentemente da questo, alcuni dei parametri da considerare dipendono dalle caratteristiche dell’individuo. In particolare è emerso come la convenienza massima ad aderire alla previdenza complementare si verifichi per i soggetti con carriere dinamiche e redditi alti, e per i lavoratori maggiormente vicini alla pensione. Altri parametri, invece, sembrano essere esterni alla sfera del singolo individuo, come i costi delle forme pensionistiche, il contributo del datore di lavoro e l’aspetto fiscale. In realtà, per quest’ultimo elemento, le caratteristiche del lavoratore incidono notevolmente. Si è osservato infatti come, a causa dell’assenza di progressività nell’applicazione delle agevolazioni, i benefici fiscali per chi aderisce ad un fondo sono legati alla retribuzione che percepirà negli ultimi anni della vita lavorativa. Oltre a ciò, è rilevante l’età in cui viene compiuta la scelta.
    Nel complesso, quindi, la riforma non privilegia l’ottica di lungo periodo che dovrebbe caratterizzare un sistema previdenziale. A conferma di questo, analizzando alcuni fattori che guidano la scelta, si è evidenziato come benefici presenti nel breve termine diminuiscano o scompaiano su orizzonti temporali estesi. E’ quello che succede per i vantaggi fiscali o per il contributo del datore di lavoro. Inoltre si è osservato come, nel lungo periodo, i costi delle forme pensionistiche complementari possano erodere i benefici derivanti da altri elementi. Quindi i consigli degli esperti dovrebbero essere sempre valutati in un’ottica di pianificazione di lungo termine e soprattutto tenendo conto delle peculiarità del singolo individuo.
    E’ infine necessario ricordare che il modello di simulazione realizzato include buona parte dei fattori che influenzano la scelta sulla destinazione del TFR. Nonostante ciò, le ipotesi sottostanti sono riferite alla realtà attuale, mentre è possibile che nel futuro vi saranno modifiche alla disciplina della previdenza integrativa e alla normativa fiscale, così come variazioni nell’incidenza dei costi dei fondi pensione. Tutto ciò potrebbe certamente modificare i risultati della ricerca. Inoltre vi sono alcuni elementi di cui non si è tenuto conto, quale ad esempio la difesa del potere d’acquisto ottenibile col TFR, grazie al suo meccanismo di rivalutazione che segue parzialmente l’andamento dell’inflazione. Allo stesso modo non è stato inserito il parametro dell’avversione al rischio, una variabile che porterebbe maggiormente a considerare il TFR come uno strumento con funzione di “cuscinetto”, come un’attività priva di rischio all’interno di un’ottica di allocazione del portafoglio previdenziale.

  9. #8
    L'avatar di DoctorT
    Data Registrazione
    May 2001
    Messaggi
    1,057
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    17 Post(s)
    Potenza rep
    21081867
    piccolo aggiornamento per i lavoratori in servizio primo del 2001 non saranno applicate le norme sul TFR ma in ogni caso quelle sul TFS

  10. #9
    L'avatar di pf.fin
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    11,673
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da marcolino66 Visualizza Messaggio
    Consiglio di visitareil sito del Prof. Beppe Scienza...
    Se sì è appassionati di demagogia ... sicuramente ...

    Cmq da evidenziare c'è solo questo ...
    Citazione Originariamente Scritto da marcolino66 Visualizza Messaggio
    ...
    Nella presente ricerca si è potuto constatare come le decisioni in ambito previdenziale peseranno sempre di più sui singoli individui, soprattutto grazie alla riforma del 2005. L’analisi e le simulazioni effettuate tentano di offrire indicazioni riguardo alla destinazione del TFR, in particolare sulla convenienza tra conferirlo ad una forma pensionistica oppure mantenerlo presso il datore. Al termine dello studio è possibile affermare che non esiste una risposta univoca e definitiva, in quanto la convenienza è determinata dalla combinazione di più fattori che possono spostare il giudizio verso una delle due strade percorribili...
    Il Dott. Nervo è sicuramente più profondo e razionale del prof. ...

  11. #10

    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    13
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    1773559
    Citazione Originariamente Scritto da pf.fin Visualizza Messaggio
    Se sì è appassionati di demagogia ... sicuramente ...

    Cmq da evidenziare c'è solo questo ...
    Il Dott. Nervo è sicuramente più profondo e razionale del prof. ...
    Io evidenzierei anche questo:

    In particolare è emerso come la convenienza massima ad aderire alla previdenza complementare si verifichi per i soggetti con carriere dinamiche e redditi alti, e per i lavoratori maggiormente vicini alla pensione.

    Cioè ai giovani e a chi ha redditi medio bassi non conviene.

Accedi