Video Ftse Mib, pressione sul sostegno dinamico a 22.511. STMicroelectronics limitato dalla media mobile a 14 giorni

L’indice Ftse Mib ha trascorso la
prima parte della seduta poco sotto la linea di parità. Graficamente rimane
sotto pressione la linea di tendenza ribassista discendente dai massimi del 3 e
11 giugno, recuperata mercoledì e attualmente transitante a 22.511 punti.
Accelerazioni ribassiste dell’indice porterebbero, su caduta dei minimi di
seduta di martedì a 22.337 punti, al testare i supporti di area 22.000 e
21.855. La caduta di quest’ultima soglia darebbe un segnale decisamente
negativo. Sul fronte opposto, solo oltre i massimi di mercoledì a 23.127 punti
l’indice guida di Piazza Affari rilancerebbe le sue velleità di breve termine
con possibili estensioni al rialzo verso 23.400 punti in prima battuta e 23.850
in un secondo momento.

 L’andamento positivo mostrato
questa mattina da STMicroelectronics non è sufficiente a smuovere il quadro
grafico dell’azione. Al rialzo, infatti, il titolo trova una limitazione nella
media mobile a 14 giorni, transitante a 7,38 euro. La strada al rialzo verrebbe
successivamente ostacolata dalla media mobile a 55 giorni, discendente a 7,58
euro e dai massimi di seduta del 26 giugno a 7,73 euro. Sul fronte ribassista è
invece la linea di tendenza rialzista risalente dai minimi del 7 maggio e del
18 giugno, transitante a 7,07 euro. La caduta del supporto dinamico darebbe un
segnale di debolezza che potrebbe essere poi confermato dall’eventuale segnale
negativo che verrebbe dalla caduta dei minimi di seduta del 18 giugno a 6,98
euro. In tal caso STMicroelectronics potrebbe ritornare sui minimi dell’anno a
6,72 euro.