1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Wall Street parte male a giugno, scure di S&P sui bancari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Passo falso di Wall Street nella prima seduta del mese di giugno. I forti ribassi registrati ieri hanno fatto seguito alle indicazioni negative arrivate dal fronte economico, aggravate dai terremoti al vertice dei due principali gruppi creditizi del paese. Il Dow Jones in chiusura ha perso l’1,06% a 12.504,22 punti e il Nasdaq l’1,23% a 2.491,58 punti. Sul fronte macro continua a soffrire il settore edilizio con un ulteriore calo delle spese per costruzioni ad aprile. Intanto ieri prima seduta del mese di giugno in calo per le Borse e appesantita dalle cattive performance del settore finanziario sui timori di nuove svalutazioni e le difficoltà del gruppo britannico Bradford & Bingley. Prima che la Borsa di New York chiudesse l’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato il rating di Merrill Lynch, Morgan Stanley e Lehman Brothers indicando un outlook generalmente negativo per il settore bancario. Le tre banche hanno accolto male la notizia con addirittura un calo dell’8% per Lehman. “L’azione riflette le prospettive di un continuo rallentamento dell’attività di investment banking – si legge nella nota di S&P – e potenziali nuove svalutazioni, anche se non della stessa ampiezza di quelle registrate nei trimestri precedenti”.