1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Wall Street giù: DJ sotto quota 30mila, deludono sussidi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Debolezza in avvio di scambi per Wall Street, con gli investitori che mostrano una certa delusione dopo l’aggiornamento settimanale sulle richieste di sussidi alla disoccupazione. Mentre in Europa si guarda alle decisioni della Bce, a New York la giornata ha preso il via con il Dow Jones che si muove sotto quota 30 mila (-0,52%), mentre l’S&P500 e il Nasdaq scivolano rispettivamente dello 0,67% e dello 0,86 per cento. Ieri il Dow Jones ha perso lo 0,35%, lo S&P 500 ha ritracciato dello 0,80%, il Nasdaq Composite è scivolato dell’1,9%, riportando la seduta peggiore dal 30 ottobre scorso.

A livello macro, per il mercato del lavoro, da segnalare appunto la risalita delle nuove richieste di sussidi di disoccupazione (si tratta dei massimi a tre mesi). Nel dettaglio, nell’ultima settimana conclusa lo scorso 5 dicembre il dato ha mostrato un aumento, passando da +716mila (dato rivisto da +712mila) a quota +853mila. Il consensus Bloomberg indicava invece una leggera risalita a quota +725mila unità. Prima dell’avvio, è stato pubblicato anche l’indice dei prezzi al consumo che ha mostrato a novembre un +0,2% su base mensile. Il dato è di poco superiore delle attese di consensus ferme a +0,1%. Su base annua la variazione è pari a +1,2% in linea con la passata rilevazione e poco sotto le aspettative pari a +1,1 per cento.

Intanto è ancora stallo negli Stati Uniti, per la precisione al Congresso Usa, dove repubblicani e democratici faticano a trovare un compromesso sul pacchetto di stimoli anti-Covid che gli americani attendono da molto prima del giorno dell’Election Day. A Wall Street è tornata la febbre da Ipo: ieri sul Nyse è sbarcata DoorDash. Debutto da sogno per il titolo, che è volato dell’85%, avvicinandosi a $184. Con lo sbarco in Borsa DoorDash ha raccolto $3,4 miliardi, confermando un esito dell’Ipo ben superiore alle attese. Oggi debutta anche Airbnb con prezzo fissato a 68 dollari per azione arrivando così ad una valutazione complessiva di circa 47 miliardi di dollari.