1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

Luigi Gubitosi confermato Amministratore Delegato di TIM

Il Consiglio di Amministrazione TIM conferma Luigi Gubitosi come Amministratore Delegato di TIM dopo gli ottimi risultati raggiunti negli ultimi anni.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Luigi Gubitosi confermato dal CDA come AD di TIM

Il Consiglio di Amministrazione TIM conferma Luigi Gubitosi come Amministratore Delegato del Gruppo per il triennio 2021-2023. Gli ottimi risultati raggiunti sotto la guida di Gubitosi hanno riconfermato la fiducia dell’assemblea TIM, che con il 95% dei voti, aveva dato il via libera alla lista del board per il rinnovo del consiglio di amministrazione. Oltre al rinnovo di Luigi Gubitosi come AD, è stato riconfermato anche il presidente Salvatore Rossi e sono stati costituiti i nuovi Comitati.

In qualità di AD, Luigi Gubitosi avrà tutti i poteri necessari per compiere gli atti pertinenti all’attività sociale, a eccezione dei poteri riservati per legge, statuto e regole di autodisciplina TIM al Consiglio di Amministrazione, nonché la delega in qualità di delegato alla sicurezza, per la gestione di tutti gli asset e le attività di Tim strategici rispetto alla sicurezza e alla difesa nazionale.

 

Luigi Gubitosi alla guida di TIM: digitalizzazione e fiducia del mercato e l’evoluzione tecnologica del Gruppo che ora punta al 6G

La conferma di Luigi Gubitosi nel ruolo di Amministratore Delegato TIM da parte del CdA non sorprende, poiché sotto la guida di Gubitosi il Gruppo ha registrato negli anni importanti risultati e ha consolidato la fiducia di tutti, azionisti compresi, nei riguardi del Gruppo TIM.

Oltre agli importanti risultati raggiunti da Luigi Gubitosi in termini di progresso infrastrutturale della rete e al grande impegno di TIM per supportare la digitalizzazione dei cittadini, delle imprese e della Pubblica Amministrazione italiana, il Gruppo ha consolidato anche la sua posizione di mercato. Dalla presentazione del bilancio per l’anno precedente TIM ha infatti visto crescere l’interesse della borsa nei confronti del titolo che si è tenuto ai vertici del FTSE MIB. Fiducia che oltre a stabilizzare la posizione del titolo TIM in borsa, rendendolo sempre più appetibile agli occhi degli azionisti, ha confermato che il percorso di forte spinta alla digitalizzazione del Paese intrapreso da TIM sotto la guida di Luigi Gubitosi in questi anni è stata la scelta giusta e ha dato un’ulteriore spinta al futuro del Gruppo.

 

Luigi Gubitosi confermato come AD, Salvatore Rossi come Presidente di TIM

Oltre alla conferma di Luigi Gubitosi come Amministratore Delegato, il CdA ha confermato Salvatore Rossi come Presidente, procedendo poi all’accertamento del possesso dei requisiti d’indipendenza dei Consiglieri Paolo Boccardelli, Paola Bonomo, Paola Camagni, Maurizio Carli, Luca De Meo, Cristiana Falcone, Federico Ferro Luzzi, Marella Moretti, Ilaria Romagnoli e Paola Sapienza.

Sono stati poi costituiti all’interno del Cda i seguenti Comitati: un Comitato per il controllo e i rischi, di cui faranno parte Boccardelli, Bonomo, Ferro Luzzi, Moretti e Romagnoli; un Comitato per le nomine e la remunerazione, con Bonomo, Camagni, Carli, De Meo e Sapienza. Un Comitato per le parti correlate, di cui saranno membri Boccardelli, Carli, Falcone, Moretti e Romagnoli. Infine, un Comitato sostenibilità composto da Camagni, Falcone, Ferro Luzzi, Rossi e Sapienza. A quest’ultimo riguardo l’idea è stata quella di rimettere al Consiglio nel suo plenum la discussione sulle scelte strategiche, creando viceversa un comitato specializzato sul fronte della sostenibilità ambientale, sociale e di governance (ESG). La nomina dei rispettivi presidenti sarà decisa da ciascun Comitato nella prima riunione utile.

TIM ha anche confermato come Dirigente alla redazione dei documenti contabili di TIM Giovanni Ronca, nel ruolo di Chief Financial Officier e il General Consel Agostino Nuzzolo, in qualità di Segretario del Consiglio di Amministrazione. Confermato anche il Sindaco Doro come componente dell’Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. 231/2021.

 

Luigi Gubitosi, ora TIM punta al 6G

Luigi Gubitosi proprio recentemente ha raccontato i piani, attuali e futuri, del gruppo, ora concentrato sull’implementazione dei servizi di rete in 5G. Per TIM infatti, nonostante un 2020 segnato dalla pandemia, si è registrata un’accelerazione senza precedenti in termini di copertura di rete, con il raggiungimento attraverso la propria rete ultraveloce di oltre 3.200 comuni per un bacino di utenza complessivo di circa 5 milioni di famiglie italiane.

“TIM intende essere una locomotiva dell’innovazione digitale del paese” ha affermato proprio Luigi Gubitosi – “gestendo quella che è la prima rete TLC del paese, possono derivare importanti economie di scala, e questo è un aspetto molto importante” in termini di evoluzione digitale del Paese. “La pandemia – ha proseguito Luigi Gubitosiimpone un ripensamento del modello complessivo, un superamento di quelle criticità che per troppo tempo hanno afflitto la nostra economia e hanno impedito di registrare una crescita duratura e sostenibile”.

Luigi Gubitosi tiene infine gli occhi puntati sul nuovissimo 6G, come detto dallo stesso AD TIM, che sottolinea come per TIM “L’evoluzione tecnologica non si ferma mai, abbiamo cominciato a costruire il 5G e abbiamo già riunioni per quello che ci sarà dopo, cioè il 6G”.

 

Chi è Luigi Gubitosi, Amministratore Delegato di TIM

Luigi Gubitosi nasce a Napoli il 22 maggio 1961. Laureato all’università Federico II di Napoli, Gubitosi ha inoltre studiato alla London School of Economics e all’INSEAD di Fontainebleau.

Entra in Fiat dove, dopo un primo cammino professionale, viene nominato presidente del Consiglio di amministrazione di FIAT Partecipazioni. Nel 2005, è nominato direttore finanziario di Wind, della quale poi diventa amministratore delegato, prima esperienza di questo tipo nel settore delle TLC che lo vedrà poi, appunto con lo stesso ruolo, impegnato in TIM.

Luigi Gubitosi viene nominato direttore generale della Rai nel 2012, incarico poi lasciato divenendo successivamente commissario straordinario di Alitalia.

Dopo essere stato Chairman dell’European Advocacy Committee del CFA Institute e Consigliere indipendente di TIM da maggio a novembre 2018, viene nominato, proprio a novembre 2018 Amministratore Delegato e Direttore Generale di TIM. Nel maggio 2020 viene nominato vicepresidente di Confindustria con delega ad innovazione e digitale nella nuova squadra di Carlo Bonomi, mentre a novembre 2020 entra a far parte del CDA della GSMA, associazione mondiale delle aziende TLC.