1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Telecom It.-Tim, i cda dopo l’Opa danno il via alla fusione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il consiglio di amministrazione di Telecom Italia, riunitosi ieri, ha valutato positivamente il risultato conseguito con l’Opa chiusasi il 21 gennaio 2005. A piacere, in particolare, è stata l’adesione più che integrale all’offerta sulle azioni ordinarie Tim. Il risultato
dell’Opa, come si apprende da una nota congiunta emanata da Telecom Italia e Tim, consentirà di raggiungere l’obiettivo di ottimizzazione della struttura del capitale azionario, nonché di quella patrimoniale e finanziaria di Telecom Italia all’esito della fusione. Al termine dell’Opa risultano complessivamente apportate 2.639.179.970 azioni ordinarie (pari al 31,3%
circa del capitale ordinario di Tim e al 107,4% circa delle azioni ordinarie oggetto dell’offerta sulle azioni ordinarie) e 8.454.877 azioni di risparmio (pari al 6,4% circa del capitale di risparmio di Tim e delle azioni di risparmio oggetto dell’offerta sulle azioni di risparmio). Come previsto nel documento di offerta, si procederà pertanto al riparto proporzionale dellle azioni ordinarie. Considerato il quantitativo di azioni di risparmio apportate in Opa, nonché grazie alle opzioni e a contratti di prestito titoli, Telecom Italia avrà la disponibilità, in occasione dell’assemblea speciale degli azionisti di risparmio che sarà chiamata ad approvare la delibera di fusione, di circa il 50,3% dei voti della categoria. I cda di Telecom Italia e Tim hanno quindi approvato il progetto di fusione per incorporazione di Telecom Italia Mobile in Telecom Italia, confermando i termini già approvati e annunciati al mercato lo scorso 7 dicembre 2004.