1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Stress test Eba-Bce: se le banche britanniche e tedesche ‘appaiono più fragili delle italiane’

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dagli stress test dell’Eba risulta che, come riporta Il Sole 24 Ore, facendo “il confronto sullo shortfall di capitale tra il punto di partenza e quello di arrivo”, le “britanniche e le tedesche appaiono nettamente più fragili delle banche italiane”.

Nel caso del Regno Unito, “complice l’impatto della Brexit, le quattro banche UK (Barclays, Lloyds, Hsbc e Rbs) nel 2020 accusano perdite del Cet1 comprese tra 533 e 700 punti. Le otto tedesche assorbono perdite tra 340 e 770 punti. Deutsche Bank – che chiude lo scenario avverso all’8,14% – lascia sul terreno 576 punti. Per le italiane il delta medio è al contrario di 345 punti”.

Nell’editoriale “Il probblema è a Berlino, Parigi e Londra”, il direttore del Sole 24 Ore Fabio Tamburini scrive che “le grandi banche italiane, come risulta anche dalla posizione presa da Banca d’Italia, tirano un sospiro di sollievo. Dopo i sacrifici fatti per allinearsi alle richieste della Bce sono uscite pressoché indenni dall’ultima tornata di ieri degli stress test (…) La novità è che finalmente le autorità di vigilanza europee, come aveva anticipato il presidente della Bce, Mario Draghi, hanno cominciato ad aggiornare i criteri di verifica e di controllo correggendo scelte inaccettabili che favorivano i Paesi più forti d’Europa. I risultati cominciano a essere evidenti. Nomi ben conosciuti del credito europeo, hanno ottenuto punteggi più bassi delle banche italiane, arretrando significativamente rispetto ai test precedenti”.

“Così hanno pagato dazio – continua Fabio Tamburini – non solo Deutsche Bank e Commerzbank, ma anche la francese Société Générale e le banche inglesi, assai penalizzate”.