1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Segno meno sul vecchio continente, banche penalizzano il listino milanese

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Borse europee sotto la parità in attesa delle indicazioni relative il mercato del lavoro statunitense in calendario domani. A Londra il Ftse100 segna un calo dello 0,41%, il Dax scende dello 0,5%, il Cac40 perde un punto percentuale e l’Ibex lascia sul campo l’1,3%. Prima parte particolarmente ricca di indicazioni macro. A marzo, secondo la lettura preliminare dell’Eurostat, l’inflazione di Eurolandia ha segnato un calo dello 0,1% annuo rispetto al -0,2% del mese precedente. Il dato “core”, quello calcolato al netto delle componenti più volatili, rileva un incremento dell’1% a/a dal +0,8% precedente.

Per quanto riguarda il nostro Paese, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività, al lordo dei tabacchi, è aumentato dello 0,2% su base mensile e ha registrato una diminuzione su base annua pari a -0,2% (era -0,3% a febbraio). Nell’ultimo trimestre del 2015 la Gran Bretagna segna un progresso del Pil dello 0,6% su base trimestrale rispetto al +0,5% precedentemente comunicato. La variazione tendenziale è di +2,1% rispetto al +1,9% precedente. In Germania a marzo il tasso di disoccupazione si è confermato al 6,2%, il livello minore dai tempi della riunificazione, e le vendite al dettaglio a febbraio hanno segnato una flessione dello 0,4% su base mensile rispetto al -0,1% della passata rilevazione (dato rivisto da +0,7%).

Sul listino milanese, dove il Ftse Mib arretra dell’1,5% (18.097 punti) e si guadagna la maglia nera, continua la debolezza del comparto bancario. Tra i titoli del settore spiccano MPS (-6,19%) e Banco Popolare (-7,19%) con quest’ultimo che ha aggiornato i minimi storici scendendo a 5,925 euro. Lettera anche per Intessa Sanpaolo (-1,41%) e UniCredit (-4,59%). -0,88% per Finmeccanica che si è aggiudicata un contratto da circa 100 milioni di euro per la fornitura alla Marina Militare delle Filippine di due elicotteri AgustaWestland AW159 e +0,73% di Telecom Italia all’indomani della nomina del nuovo Ad Flavio Cattaneo.