1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari e Borse europee previste poco mosse in avvio, oggi i dati sul lavoro Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari e le principali Borse europee dovrebbero avviare quest’ultima seduta della settimana all’insegna della cautela, in scia a una chiusura mista di Wall Street (forti vendite sui tecnologici) e all’intonazione negativa dei listini asiatici questa mattina, con la piazza azionaria di Tokyo che ha terminato con un ribasso dello 0,8%. Sui mercati continuano a pesare le tensioni commerciali in attesa di possibili nuovi dazi americani al 25% nei confronti della Cina. Non solo. Secondo alcune indiscrezioni della Cnbc, il presidente americano Donald Trump avrebbe confidato a un editorialista del Wall Street Journal di voler rivedere le posizioni anche nei confronti del Giappone. Intanto proseguono i colloqui tra Washington e Ottawa per cercare di raggiungere una intesa sul nuovo Nafta.

Gli operatori rimangono cauti anche in attesa di capire come sarà la nuova legge di bilancio in Italia, la prima firmata dal governo gialloverde. “Ci sono state parole rassicuranti dal premier Giuseppe Conte e dal ministro dell’economia Tria”, ha detto il portavoce del Fondo Monetario Internazionale Gerry Rice, rispondendo a chi gli chiedeva se Washington temesse per l’Italia, dopo la decisione di Fitch di rivedere l’outlook a negativo. A questo proposito, oggi attenzione agli assicurativi, dopo che Fitch ieri sera ha portato l’outlook di 9 istituti al gradino negativo per allinearlo a quello del paese.

Ricca di spunti anche l’agenda macro. Da monitorare soprattutto i dati sul mercato del lavoro americano. Alle 14.30 verranno diffusi il tasso di disoccupazione, la variazione degli occupati non agricoli e i salari relativi al mese di agosto. Indicazioni tenute sotto stretta osservazione dagli investitori in quanto alla base delle valutazioni della Federal Reserve per definire la sua politica monetaria. Tra gli altri dati, anche le vendite al dettaglio in Italia e il Pil dell’Eurozona. In agenda anche le riunioni di Eurogruppo ed Ecofin.