1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

M&A: in aumento nel 2019 deal in tech, media e tlc. Incertezza Covid ricade su multipli

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sono 120 le operazioni annunciate nel settore TMT (tech/media/tlc) nel corso del 2019 (+14% a/a). A primeggiare il segmento Technology sia per aumento del numero di operazioni (+17) sia per numero totale delle transazioni (circa l’80%). Seppur in flessione in termini di numero di operazioni, il comaprto Telecom registra l’operazione più rilevante in termini di valore: ossia la fusione delle Torri di Vodafone in Inwit (pari a circa 5,3 miliardi di euro). Queste alcuni numeri che emergono dall’ultima edizione dello studio di PwC M&A Trends 2019 e Outlook 2020 per i TMT Markets in Italia. In particolare, le operazioni più rilevanti includono (target/acquirente): Vodafone Towers / Inwit (deal value € 5.3mld), Prosibien /Mediaset, Persidera / F2i-Ei Towers (deal value €240m), Vivaticket / Investcorp e Gruppo PA / Retelit.

I multipli medi EV/EBITDA delle transazioni annunciate nel 2019 si attestano in un range compreso tra 6 volte del comparto Media a 9 volte del comparto Telecom; il comparto Technology ha registrato un multiplo medio di 7,6 volte.

L’incertezza del Covid-19 avrà tuttavia ricadute negative su multipli e valutazioni aziendali. Se si guarda alle performance per il 2020, ambito per ambito, lo studio di PwC mette in luce come il coronavirus abbia avuto molteplici effetti sul settore TMT. “Il comparto Media è stato quello
maggiormente colpito poiché dipende in misura maggiore da investimenti pubblicitari e da eventi di aggregazione – si legge nel documento -. Vi sono state però alcune eccezioni
positive per la crescente domanda di contenuti multimediali (OTT video, video games, music/podcast)”.
Discorso diverso per i segmenti Technology e Telecom che si sono mostrati “più resilienti, e hanno avuto un ruolo centrale nell’emergenza Covid-19, con software, tecnologie e reti a supporto del remote working, e- learning, e-commerce, e-health”. Il Covid-19 ha posto tra i temi centrali dell’agenda politica l’accelerazione dello sviluppo delle reti in fibra e riduzione del digital divide in Italia.