1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Hera: +11,8% per l’utile “adjusted” 2015, cedola stabile a 9 centesimi

QUOTAZIONI Hera
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Hera ha chiuso l'esercizio 2015 con un utile netto adjusted in crescita dell'11,8% a 202,6 milioni di euro grazie alle minori imposte sull'esercizio; l'utile netto dell'esercizio segna invece un +6,6% a 194,4 milioni. "In sensibile miglioramento l'aliquota media che passa dal 40,2% al 35,9% grazie alla riduzione dell'Irap, all'eliminazione della Robin Tax nelle società energetiche e altre ottimizzazioni fiscali", riporta la nota della società. Il Cda proporrà la distribuzione di un dividendo di 9 centesimi per azione, in linea con quanto erogato nello scorso esercizio e già annunciato nel piano industriale al 2019.

Il fatturato si è attestato a 4.487,0 milioni, +7,1% rispetto ai 4.189,1 milioni di euro dell'esercizio precedente, mentre l'Ebitda è salito da 867,8 milioni, +1,9% rispetto al 2014. La posizione finanziaria netta del 2015 è pari a 2.651,7 milioni, sostanzialmente in linea con i 2.640,4 milioni di un anno prima.

"L'anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, grazie al solido modello di business e a una gestione operativa, finanziaria e fiscale in costante e continuo miglioramento. Crescita organica e per linee esterne si confermano i fattori chiave dello sviluppo. Proposta di dividendo a 9 centesimi per azione, in linea con quanto previsto nel piano industriale".