Notizie Notizie Mondo Furia Musk per l’esclusione di Tesla da indice Esg, titolo affonda ancora e un grande azionista chiede maxi-buyback

Furia Musk per l’esclusione di Tesla da indice Esg, titolo affonda ancora e un grande azionista chiede maxi-buyback

12:08

Tesla tagliata fuori dall’indice S&P 500 ESG Index a causa di problemi di varia natura, tra cui le denunce di discriminazione razziale e gli incidenti legati ai suoi veicoli con pilota automatico. L’S&P 500 Esg Index è un paniere di azioni che replica l’indice principale di Wall Street quanto ai settori industriali, ma selezionando le società più in linea con i criteri ambientali, sociali e di governance (Esg) generalmente riconosciuti sul mercato.  Non si è fatta di certo attendere la risposta dell’amministratore delegato di Tesla Elon Musk che ha risposto con duri tweet, tra cui quello secondo cui “l’ESG è una truffa”.

Tesla fuori dall’S&P ESG Index: la furia di Elon Musk

Con le modifiche apportate a partire dal 2 maggio, l’indice ha aggiunto Twitter e la società di raffinazione petrolifera Phillips 66 mentre ha eliminato Delta Air Lines e Chevron Corp. E ora è stata la volta di Tesla che è l’azienda di maggior valore del settore automobilistico grazie al suo ruolo di pioniere dei veicoli elettrici e alla sua espansione nel settore dell’accumulo di batterie per le reti elettriche e dei sistemi di energia solare. Tra i fattori che hanno contribuito alla sua uscita dall’indice c’è la mancanza di dettagli pubblicati da Tesla sulla sua strategia a basse emissioni di carbonio o sui codici di condotta aziendale, come ha dichiarato in un’intervista Margaret Dorn, responsabile degli indici ESG di S&P Dow Jones Indices per il Nord America. Anche se i prodotti di Tesla contribuiscono a ridurre le emissioni che riscaldano il pianeta, ha affermato Dorn, gli altri problemi e la mancanza di informazioni rispetto ai colleghi del settore dovrebbero destare preoccupazione negli investitori che cercano di giudicare la società in base ai criteri ambientali, sociali e di governance (ESG). “Non basta prendere per buona la dichiarazione di missione di un’azienda, bisogna guardare alle sue pratiche in tutte queste dimensioni chiave”, ha detto Dorn. I rappresentanti di Tesla non hanno risposto immediatamente alle domande. L’azienda ha già definito le metodologie ESG “fondamentalmente errate”. Musk ha twittato però che “Exxon è classificata tra le dieci migliori al mondo per ambiente, sociale e governance (ESG) da S&P 500, mentre Tesla non è entrata nella lista! L’ESG è una truffa. È stato strumentalizzato da falsi guerrieri della giustizia sociale”.

Un’altra bella gatta da pelare per Tesla che è crollata ai nuovi minimi 2022 (-41% YTD).

Alla luce del tonfo di questi mesi del titolo, il miliardario Leo Koguan, che afferma di essere il terzo maggiore azionista individuale di azioni Tesla,, chiede alla casa automobilistica di annunciare un riacquisto di azioni da 15 miliardi di dollari (5 miliardi di dollari di azioni quest’anno e 10 miliardi l’anno prossimo).