1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Dibattito presidenziale Usa, Trump e Biden si scontrano su salario minimo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il presidente Donald Trump e lo sfidante democratico alle elezioni presidenziali Joe Biden hanno confermato di avere profonde differenze riguardo alla questione di un salario minimo nazionale.

Il salario minimo nazionale, negli States, è pari al momento a 7,25 dollari l’ora: il presidente ritiene che il suo eventuale innalzamento debba essere a discrezione dei singoli stati, mentre Biden propone un salario minimo nazionale di 15 dollari.

“Non si aiutano le piccole imprese alzando il salario minimo – ha detto Trump nel dibattito presidenziale finale, a 12 giorni dall’Election Day del prossimo 3 novembre, che si è tenuto nella serata di ieri presso la Belmont University di Nashville, Tennessee – Dovrebbe essere lo stato a decidere. Lo stato dell’Alabama è diverso da quello di New York. New York è diversa dal Vermont. Ogni stato è diverso. Dobbiamo aiutare le nostre piccole imprese”.

Alla domanda specifica del moderatore se sia favorevole o meno ad alzare il salario minimo, Trump ha risposto: “Considererei di farlo fino a un certo punto. Ma non a un livello che farebbe chiudere tutte queste imprese. Dovrebbe decidere lo stato – ha ripetuto – In alcuni stati, 15 dollari non sarebbero così male. In altri, sarebbero ok”.

Biden ha replicato che “queste sono persone che fanno due lavori, perchè uno è essere al di sotto della soglia della povertà. C’è gente che guadagna $6, $7 l’ora….merita un salario minimo di $15. Qualsiasi cosa al di sotto significa essere sotto la soglia della povertà. E non c’è alcuna prova che, con l’aumento del salario minimo, le imprese falliscano”.