1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Csfb: l’onda lunga dei mutui subprime tiene in pugno gli istituti di Sua Maestà

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’onda lunga dei mutui subprime spaventa ancora gli investitori nella Vecchia Europa. Gli analisti del Credit Suisse First Boston oggi hanno mosso contro le banche inglesi, rivedendo le stime sui loro ricavi 2008 tagliandole del 14% circa. Il broker è infatti convinto che le turbolenze dei listini di agosto e settembre si faranno sentire sui bilanci degli istituti finanziari Oltre Manica. Come dire la crisi finanziaria dei mutui concessi con troppa disinvoltura negli Stati Uniti potrebbe essere non solo una patata bollente per la Northern Rock, la banca britannica finita nel ciclone dei mutui subprime e salvata a un passo dalla bancarotta dalla Banca di Inghilterra. “Consigliamo prudenza sul comparto in generale”, scrive J. Pierce nel report raccolto da Finanza.com. “Le valutazione dei PE del comparto sono ai minimi, ma è giusto che sia così vista l’incertezza. I rendimenti – prosegue l’analista – continuano ad essere forti; tuttavia siamo dell’idea che la limitata crescita degli utili terrà a freno l’incremento dei dividendi nel breve termine”. “Stiamo imparando a vivere il settore con una sostanziale dose di volatilità e sarà probabile assistere a rally brevi e sporadici nei prossimi mesi”, conclude il broker, che ha riavviato la copertura su Barclays con rating neutral e su Rbs con underperform. Downgrade invece per Llyods passato neutral.