1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Covid azzoppa Piazza Affari, fino a -3% Unicredit e titoli oil del Ftse Mib. DiaSorin corre con il virus

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari si muove in deciso ribasso, in scia all’aumento dei contagi da Covid-19, soprattutto in Europa, Italia compresa, dove sono scattate nuove restrizioni a partire da oggi. La Francia ieri ha registrato un aumento giornaliero record di nuove infezioni mentre in Italia è arrivato un nuovo Dpcm che impone la chiusura anticipata di bar e la chiusura di palestre e piscine. Non va meglio in Spagna dove è stato imposto un coprifuoco a livello nazionale per tentare di arginare un peggioramento dell’epidemia.

In questo contesto, l’indice Ftse Mib cede circa 1 punto e mezzo percentuale muovendosi sulla soglia psicologica dei 19.000 punti. Tra i titoli del listino principale, scivolano sul fondo Tenaris, Saipem e Moncler con un ribasso di oltre il 3%. Calo dell’1,7% per ENI che riavvicina i minimi pluriennali toccati settimana scorsa. E’ arrivata a oltre -3% anche Unicredit tra le banche cpn minimi in avvio a 6,712 euro per poi ridurre i ribassi a circa 1 punto e mezzo percentuale. Sul fronte opposto invece si muove DiaSorin che corre in testa al Ftse Mib con un +2,8% in scia all’evolversi della pandemia da coronavirus in Italia e nel resto del mondo.

Gli Stati Uniti hanno riportato il numero più alto di nuove infezioni da coronavirus negli ultimi due giorni, mentre in Francia i nuovi casi hanno raggiunto ieri il record di oltre 50.000.

“Con Stati Uniti, Spagna e Francia che vedono tutti un numero record di casi Covid, è chiaro che la seconda ondata potrebbe essere peggiore della prima a meno che non venga intrapresa un’azione drastica”, si legge nella Morning Call di IG. I temi chiave della settimana rimarranno Covid-19, Brexit e le elezioni statunitensi, ma un calendario economico e societario fitto dovrebbe garantire che anche gli utili e le banche centrali giochino un ruolo significativo.