1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Borsa di Milano giù dopo sell-off sui tech, nessuna azione del Ftse Mib schiva le vendite

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari si muove in deciso calo, allineandosi agli altri listini internazionali. Fin dai primi scambi l’indice Ftse Mib imbocca la via dei ribassi e dopo l’avvio segna una flessione dell’1,4% in area 24.471 punti, dopo un inizio di settimana positivo. Sui mercati pesa il sell off che si è scatenato sui titoli tecnologici a Wall Street, con le vendite sulle Big Tech del calibro di Apple e Microsoft, che hanno perso entrambi più del 2%. Se l’indice Dow Jones e l’S&P500 sono scesi dai loro livelli record, le perdite maggiori si sono viste sul Nasdaq, che è sceso del 2,5%, sulla scia dei forti smobilizzi sui titoli FAANG: Facebook ha perso più del 4%, e Amazon e Netflix sono scese entrambe di oltre il 3%.

Il tutto in una settimana in cui a livello macro si guarda ai dati sull’inflazione degli Stati Uniti, in uscita domani. Un’accelerazione dell’inflazione potrebbe spingere la Federal Reserve a inasprire la sua politica monetaria. Intanto, oggi, si guarderà all’indice tedesco Zew, ma anche alla produzione industriale italiana. Sempre per l’Italia l’Istat pubblicherà il report mensile sull’economia. L’attenzione rimane alta anche sul fronte societario, dove sono attese diverse trimestrali, tra cui spiccano quelle di FinecoBank, Mediobanca e Salvatore Ferragamo.

Al momento nessuna azione del paniere principale di Piazza Affari riesce a schivare le vendite. Tra i peggiori titoli si distingue Amplifon con una flessione del 2,7%, seguita a ruota da Tenaris, in calo del 2,5%. Ribassi superiori ai 2 punti percentuali anche per CNH Industrial e DiaSorin.

Al di fuori del listino principale, si segnala illimity Bank che sale dello 0,8% in scia alla trimestrale chiusa con un utile netto di 12,6 milioni di euro, miglior risultato trimestrale di sempre e valore di quasi tre volte superiore a quanto realizzato nel primo trimestre 2020 (4,5 milioni) e di circa il doppio rispetto a quanto riportato nel trimestre precedente (6,8 milioni). Complessivamente, per il 2021 il management di Illimity prevede un’ulteriore crescita significativa degli utili della banca, nonostante i costi sostenuti per le nuove iniziative strategiche, che saranno presentate al mercato il 22 giugno prossimo in occasione dell’aggiornamento del piano strategico pluriennale del gruppo (2021-2025).