1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Boom di ‘seconde’ Ipo cinesi alla borsa di Hong Kong: dopo Alibaba anche Baidu si attiva per lo sbarco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il gigante tecnologico Baidu, già quotato a Wall Street sul Nasdaq, lancerà un’Ipo per sbarcare anche sulla borsa di Hong Kong. Obiettivo: raccogliere almeno $3 miliardi con un collocamento che dovrebbe, secondo due fonti vicine al dossier, essere completato prima della fine del mese di marzo.

La multinazionale, nota per l’omonimo motore di ricerca in lingua cinese, collocherà sul mercato il 4% delle sue azioni, ha riportato una fonte, stando a quanto reso noto dal sito Cnbc.

Il colosso cinese si aggiunge alla lunga lista di quelle società cinesi attive nell’hi-tech che sono al momento quotate negli Stati Uniti e che hanno deciso di sbarcare anche a Hong Kong: tra queste, ci sono Alibaba, JD.com e NetEase. La Cnbc ha riportato inoltre a gennaio che la società di video streaming cinese Bilibili ha presentato anch’essa una richiesta di quotazione a Hong Kong. Baidu potrebbe beneficiare del trend positivo del titolo, che è balzato del 128% negli ultimi 12 mesi.