1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Bce, Lagarde: crescita PIL III trimestre solida, ma variante Delta potrebbe pesare su servizi e turismo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

"Nel corso del terzo trimestre, la crescita del Pil (dell'area euro) sarà solida, ma la variante Delta potrebbe pesare sul settore dei servizi e sul turismo". Lo ha detto Christine Lagarde, numero uno della Bce, nella conferenza stampa successiva all'annuncio dei tassi di interesse e della revisione della forward guidance.

Lagarde ha ricordato che questa è stata "la prima riunione ed è la prima conferenza stampa con la nuova strategia di politica monetaria".

Oggi, giovedì 22 luglio, la Banca centrale europea ha confermato i tassi di interesse e la dotazione del Pepp, il piano anti-pandemico, ma ha rivisto la sua forward guidance alla luce della revisione della strategia. L'istituto centrale ha infatti concordato un obiettivo di inflazione simmetrica del 2% nel medio termine.

"I principali tassi di interesse della Bce sono da tempo vicini al loro limite inferiore e le prospettive di inflazione a medio termine sono ancora ben al di sotto dell'obiettivo- si legge nel comunicato stampa – In queste condizioni, il Consiglio direttivo ha rivisto oggi la sua forward guidance sui tassi di interesse. Lo ha fatto per sottolineare il suo impegno a mantenere un orientamento di politica monetaria costantemente accomodante per raggiungere il suo obiettivo di inflazione".

L'istituto centrale, come da attese, ha lasciato i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%.

Il Consiglio direttivo prevede che i principali tassi di interesse rimarranno ai livelli attuali o inferiori fino a quando non vedrà l'inflazione raggiungere il 2% ben prima della fine del suo orizzonte di proiezione e durevolmente per il resto dell'orizzonte di proiezione, e ritiene che il progresso realizzato nell'inflazione sottostante sia sufficientemente avanzato da essere coerente con l'inflazione che si stabilizza al 2% nel medio termine. Ciò può anche implicare un periodo transitorio in cui l'inflazione è moderatamente al di sopra dell'obiettivo.