1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bca Intesa, i risultati del quarto trim. piacciono ad Ubs

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Palla al centro per la trimestrale di Banca Intesa. Gli analisti di Ubs in una nota uscita ieri e raccolta da Spystocks hanno rivisto al rialzo il target price dell’istituto presieduto da Giovanni Bazoli da 4 euro a 4,3 euro, confermando il giudizio positivo di buy (titolo da acquistare). Il broker mette l’accento sulla qualità dei numeri riportati da Banca Intesa. “La qualità dei risultati presentati è stata decisamente migliore di quanto visto nei trimestri precedenti. Intesa è riuscita ad aumentare il suo portafoglio prestiti, cosa che non succedeva più da 2001. Gli spreads sono rimasti bassi, contro il calo del settore. Inoltre il taglio dei costi ha permesso che crescessero le spese in IT e pubblicitarie. Le sofferenze lorde, in crescita per i competitor, sono calate per Banca Intesa del 5% dal terzo trimestre”, si legge nella nota. Stessa musica per i ricavi. “I ricavi retail sono infatti saliti del 7% su base annua. Anche a livello corporate dell’8%. Dal momento che la ristrutturazione è finita, il gruppo dovrebbe crescere, mettendo in evidenza il miglioramento a livello di top line. Tanto che noi ci aspettiamo una crescita del 4% nel 2005 da un 2,8% dell’anno scorso”, aggiunge. Dal punto di vista valutativo, secondo le stime degli analisti di Ubs, Banca Intesa tratta 11,5 volte il P/E 2005 e 9,8 volte il P/E 2006, ancora a sconto sui competitor nonostante la crescita più veloce a livello di utile per azione. “Abbiamo allargato l’orizzonte della nostra valutazione al 2006, migliorando l’assunzione di un RoE sostenibile al 14,7%, che è quanto avevano previsto per l’anno successivo. Come risultato di tutto questo, abbiamo alzato il target price di Banca Intesa da 4 a 4,3 euro”, conclude la nota.