1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

AIM Italia: Lambiase, un anno record per il listino delle Pmi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“L’evento è stato un successo perché ha visto un’affluenza molto significativa di investitori istituzionali, oltre 300, con 24 società quotate su AIM Italia che hanno rappresentato la loro storia di crescita”. Lo ha detto Anna Lambiase, ad di IR Top Consulting, in occasione della V edizione dell’AIM Investor Day, evento annuale che si tenuto il 27 novembre scorso presso la sede di Borsa Italiana.

 

“In realtà – puntualizza Lambiase – questo panel di 24 aziende ha segnato nel primo semestre 2018 una crescita media del fatturato del +34%, una performance decisamente più alta rispetto a un dato di mercato AIM medio che al 30 giugno di quest’anno ha registrato invece un +14%”.

 

Negli ultimi anni il mercato AIM, che ha evidenziato il maggior numero di collocamenti, conta complessivamente 114 società con un giro d’affari pari a 5 miliardi di euro, una capitalizzazione di 7,4 miliardi di euro.

“Dati che si leggono nel nostro ultimo Osservatorio che calcola 4,1 miliardi di raccolta da quotazione, di cui 3,6 miliardi di raccolta in IPO che vede il 93% in aumento di capitale e un 7% in vendita. Quindi l’AIM si conferma il mercato di crescita delle imprese dove la raccolta di capitale va a finanziare progetti di sviluppo per operazioni di M&A” spiega l’ad.

 

“Il flottante medio di IPO è pari al 22% al netto delle spac. Direi quindi un bilancio molto positivo del 2018, il migliore anno da quando l’AIM è stato creato e ci aspettiamo anche per il prossimo futuro uno sviluppo importante del mercato” conclude Anna Lambiase.

I numeri dell’AIM

Il mercato Aim Italia nel 2018 ha visto salire a 114 le società quotate sul listino dedicato alle piccole e medie imprese ad alto potenziale, con una capitalizzazione di 7,4 miliardi e una raccolta di capitali in Ipo pari a 3,6 miliardi, di cui, in media, il 93% proveniente da nuova emissione di titoli (4,1 miliardi la raccolta includendo le operazioni sul secondario). Nel solo 2018 ci sono state 25 nuove Ipo, di cui 7 Spac, in linea con le quotazioni del 2017. Inoltre sono state ammesse alle negoziazioni 5 società, di cui 4 a seguito della business combination con Spac. Per quanto riguarda la liquidità il controvalore totale è stato di 2,2 miliardi di euro, segnando una crescita del 10% rispetto al 2017. Questi alcuni dei numeri snocciolati ieri nel corso della quinta edizione dell’Aim Investor Day 2018, l’evento annuale dedicato al confronto tra società Aim e investitori istituzionali, organizzato da Ir Top, dando così la portata assunta dal mercato dedicato alle piccole e medie imprese.