Analisi operative I segnali operativi su Ftse Mib e Dax

I segnali operativi su Ftse Mib e Dax

Ftse Mib

Il Ftse Mib apre oggi in gap up dando un chiaro segnale positivo. Interessante l’indicazione che ci fornisce RSI dove la trend ribassista costruita sull’indicatore è stata infranta con successivo pull back e poi ripartenza. Ma ancora non siamo in ipercomprato e quindi c’è ancora spazio di salita per l’indice italiano. Il primo target al rialzo è la resistenza a 23.918 punti, che coincide con la parte finale del gap down di fine febbraio dovuto alla crisi Covid. I target successivi sono 23.600 e poi area 25.000 punti. Lentamente il Ftse Mib sta ritornando sui massimi storici e molto dipenderà dal governo che si è appena formato e da come utilizzerà le risorse del Recovery Plan per far ripartire il paese. Al ribasso, invece, la soglia importante è quella dei 22.334 punti che in caso di rottura potrebbe innescare discese verso 21.155 punti, dove passa il 61,8% di Fibonacci di tutto il down trend avviato a fine febbraio 2020.

Dax

Il Dax è già più avanti rispetto al Ftse Mib e infatti ha già raggiunto nuovi massimi storici a 14.169 punti. Quali sono dunque i livelli da monitorare per l’indice tedesco. Per una nuova spinta al rialzo bisognerà attendere il superamento di 14.169 punti con graduale salita verso 14.200 e 14.300 punti. Al ribasso, invece, la prima soglia di supporto importante si colloca a 13.788 punti. In caso di rottura di tale livello, i corsi potrebbero scivolare verso 13.460 punti, dove passa anche la trend line rialzista di lungo periodo costruita sui minimi di marzo e ottobre dello scorso anno.