Eni: la caduta di Tripoli può segnare la svolta anche per il titolo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il titolo Eni reagisce bene alla caduta di Tripoli nelle mani dei ribelli. Il regime del colonnello Gheddafi si è ormai disfatto e rimane da risolvere solo il giallo della fine del rais libico. Il ministro degli Esteri Frattini ha manifestato ottimismo sulla presenza di Eni nella nuova Libia che sta nascendo. A Piazza Affari l’azione del colosso petrolifero sale del 5,21% sopra i 13 euro. Graficamente per avere un segnale ufficiale di svolta rialzista delle quotazioni bisognerà attendere una rottura, sostenuta da incremento dei volumi, di area 13,46/36 euro. Qui si trovano la media mobile a 14 giorni e il 38,2% di ritracciamento di Fibonacci della discesa effettuata tra il 22 luglio e l’11 agosto 2011. Il target al rialzo possibile sarebbe in tal caso 14,50 euro (50% di ritracciamento) con step intermedio a 13,97. Possibile tentare un anticipo dell’attacco su superamento della trendline ribassista di brevissimo termine che unisce i massimi relativi dell’8 agosto a 13,83 euro e che è stata messa sotto pressione oggi a 13,17. Posizionare ordini in acquisto a 13,31 con target a 14 e 14,50 euro e uno stop loss su caduta al di sotto di quota 13.


Alessandro Piu


(22/08/2011)


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori