Analisi tecnica su Ftse Mib, Alphabet e Cnh Industrial

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ftse Mib

Dopo aver infranto in gap up la resistenza di medio termine importante in area 21.500 punti, l’indice italiano si è portato ben sopra quota 22.000 punti grazie al convincente meeting Bce che ha sorpreso in positivo i mercati. Nelle sedute successive il Ftse Mib ormai scarico è tornato a testare il supporto di breve a 21.795 punti prima di ripartire e superare nuovamente i 22.000 punti, il livello che separa l’indice italiano dai massimi dell’anno a 22.357 punti. Sponda importante dall’ultima riunione della Fed che ha tagliato i tassi come da attese. In tale scenario, la rottura decisa in chiusura della fascia di prezzo tra i 22.000 e 22.357 punti dovrebbe consentire al Ftse Mib di proseguire verso 23.000 e 24.000 punti. Al ribasso, se ci dovesse essere volatilità con un ritorno e chiusura sotto quota 21.500 punti darebbe spazio a ribassi verso 21.000 punti. Anche se va sottolineato che il primo livello di supporto importante che ci darebbe indicazioni in termini di sentiment di mercato è a 20.000 punti. Per il momento comunque non vediamo una situazione grafica tale da mettere in discussione l’uptrend avviato a fine dicembre dello scorso anno.

Alphabet

Il titolo della holding che controlla il motore di ricerca Google è rimasto per più di un mese intrappolato in una fase laterale tra 1.200 e 1.153 dollari. Quest’ultimo livello è stato infranto lo scorso 5 settembre da Alphabet che poi si è spinto fino a ridosso della resistenza statica collocata a 1.245 dollari e riuscendo anche a recuperare la ex trend line rialzista di medio periodo costruita sui minimi di maggio e luglio 2019. In tale scenario, il superamento dei 1.245 dollari permetterebbe al titolo di mettere nel mirino i massimi dell’anno a 1.296 dollari. Al ribasso, invece, la rottura del supporto a 1.200 dollari darebbe un segnale di debolezza con target 1.153 e 1.100 dollari.

CNH Industrial

Il titolo del colosso italo-statunitense ha dato prova di grande forza dai minimi di agosto a 7,7 euro. Il recupero ad oggi è di oltre il 28% ed ha permesso a CNH di arrivare fino al test del 50% di Fibonacci a 10,13 euro di tutto il down trend avviato a febbraio 2018. Dal punto di vista grafico, la rottura dei 10,13 euro potrebbe aprire la strada al titolo verso i successivi target a 10,5 e 10,72 euro (che coincide con il 61,8% di Fibonacci). Per un primo segnale ribassista bisognerà invece attendere il break del 38,2% di Fibonacci a 9,54 euro, con possibili ricadute verso i 9 euro, zona di resistenza importante anche per la presenza della media mobile 200 periodi.


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori