Quale banca o broker scelgo? - Thread di riferimento per consigli e confronti - Pagina 182
Stellantis va all’attacco, Tavares indica un futuro tutto elettrico e lancia l’Electrification Day
Stellantis ha solo pochi mesi di vita ma deve già correre per non restare indietro nella serrata corsa dei big dell'auto verso un futuro sempre più incentrato sull'elettrico. Lo sa …
Orcel supera lo scoglio assemblea, Unicredit nelle mani del banchiere d’oro. M&A e non solo, le sfide del nuovo ceo
Come da attese è stata un esito sul filo di lana quello relativo alla politica di remunerazione 2021 di Unicredit con il tanto discosso maxi-stipendio garantito al nuovo ceo Andrea …
Coinbase sbarca a Wall Street e fa subito la storia, infiamma Bitcoin e batte il Nasdaq. Solo 93 società S&P 500 hanno capitalizzazione maggiore
Lo sbarco di Coinbase sul Nasdaq, indubbiamente, ha fatto e continuerà a fare la storia del Bitcoin e delle criptovalute: per la prima volta in assoluto una piattaforma di trading …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1811
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,041
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    60 Post(s)
    Quoted
    3600 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da -Frank- Visualizza Messaggio
    - Directa: ho aperto demo, commissioni imbattibili, ma ho davvero difficoltà ad orientarmi con DLite e la Classic. In più mi blocca un po' l'idea che non sia una banca ma una SIM (ma questo magari è un mio limite, spero superabile).
    Per inserire un ordine al mese l’interfaccia non sarà un gran problema, credo. Se è un po’ ostica all’inizio, ti ci metti e la impari.
    Quanto alle garanzie, vedi i vecchi post nel thread Alcune domande su Directa e nel thread Se il broker o la banca fallisce che fine fanno i miei titoli e soldi?
    Ultima modifica di lastrico; 01-03-21 alle 09:05

  2. #1812
    L'avatar di genioarcipelago
    Data Registrazione
    Sep 2001
    Messaggi
    53,757
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    2194 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da -Frank- Visualizza Messaggio


    - Directa: ho aperto demo, commissioni imbattibili, ma ho davvero difficoltà ad orientarmi con DLite e la Classic. In più mi blocca un po' l'idea che non sia una banca ma una SIM (ma questo magari è un mio limite, spero superabile).

    Ho escluso Degiro per l'assenza del regime amministrato (come ho detto, non vorrei complicare troppo le cose).

    Grazie a chi vorrà rispondermi!
    Questa me l'ero persa...
    lascia perdere le dichiarazioni dei redditi sui broker esteri...
    se non hai il commercialista bravissimo che lavora pressapoco per niente...

    rispondo solo per directa...
    un gioco da ragazzi usarla basta saperlo fare....

    ma se non ci riesci al primo colpo...
    non hai che da chiedere al genio...

    e al secondo sei a cavallo...
    l'unica cosa sicura.

    Comincia a leggere...
    parlo solo per la NORMALE.

    DIRECTA - Dilettanti allo sbaraglio - Come funziona la NORMALE (CLASSIC)


    Le altre non ti servono per iniziare.
    Ultima modifica di genioarcipelago; 02-03-21 alle 01:50

  3. #1813
    L'avatar di merlin8121
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    2,034
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da -Frank- Visualizza Messaggio
    Ho escluso Degiro per l'assenza del regime amministrato (come ho detto, non vorrei complicare troppo le cose).

    Grazie a chi vorrà rispondermi!
    Devo ripeterti di informarti correttamente e valutare anche brokers come Degiro, nonostante la disinformazione che fanno i Dboys ed altri costantemente.
    Il fac simile della dichiarazione dei redditi te la forniscono loro gratuitamente, unica "complicazione" è darla a qualsiasi C.a.f e/o commercialista perchè la ricopi . Operazione semplicissima che può costare 70/80 euro annuali a fronte di risparmi in commissioni ingenti anche rispetto a Directa.

    Le scelte vanno ponderate in base all'insieme dei benefici offerti dai vari broker. Solidità, sicurezza, flessibilità, convenienza, tecnologia ecc , magari prendendo spunto da chi effettivamente usa già quei servizi, non da chi non li conosce nemmeno.

  4. #1814
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,041
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    60 Post(s)
    Quoted
    3600 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da merlin8121 Visualizza Messaggio
    Devo ripeterti di informarti correttamente e valutare anche brokers come Degiro, nonostante la disinformazione che fanno i Dboys ed altri costantemente.
    Il fac simile della dichiarazione dei redditi te la forniscono loro gratuitamente, unica "complicazione" è darla a qualsiasi C.a.f e/o commercialista perchè la ricopi . Operazione semplicissima che può costare 70/80 euro annuali a fronte di risparmi in commissioni ingenti anche rispetto a Directa.

    Le scelte vanno ponderate in base all'insieme dei benefici offerti dai vari broker. Solidità, sicurezza, flessibilità, convenienza, tecnologia ecc , magari prendendo spunto da chi effettivamente usa già quei servizi, non da chi non li conosce nemmeno.
    In realtà, se fai il login al sito AdE, puoi ricopiare il facsimile di DeGiro anche da solo in dichiarazione dei redditi modello Redditi o nei quadri aggiuntivi modello Redditi nel caso fai il 730.
    Le imposte risultanti si pagano con F24. Oppure se sei pigro ti fai aiutare dal caf o commercialista, che non dovrebbe far altro che ricopiare.
    Tuttavia, per non nascondere nulla, almeno in certi casi particolari il regime dichiarativo con DeGiro potrebbe comportare alcune complicazioni nonostante la semplificazione dei facsimile. Faccio alcuni esempi per capirci.
    Un caso è quello degli ETF obbligazionari contenenti bond whitelist con aliquota agevolata (variabile secondo la composizione dell'ETF). Par di capire che le procedure attuali di elaborazione dei facsimile potrebbero non tener conto dell'aliquota effettiva ma applicarti comunque il 26%. La questione è stata segnalata allo studio che cura le dichiarazioni e spero si trovi una soluzione.
    Altra questione, se per caso avevi già dei titoli in un conto amministrato e vuoi trasferirli su DeGiro, attualmente non viene caricato il prezzo di carico originario ma quello della data del trasferimento.
    In entrambi i casi dovrai modificare il facsimile prodotto in base a quei dati, il che è meno banale che ricopiare...
    Ovviamente dovrai rimettere mano anche se hai più di un conto in dichiarativo, dovendo fondere le dichiarazioni, o se per caso intendi optare per la tassazione ordinaria nei casi previsti (ETF ecc.).

    Un'altra difficoltà che non riguarda solo DeGiro ma qualsiasi conto in dichiarativo potrebbe nascere se e quando chiuderai il conto in dichiarativo. Eventuali minus residue afaik non possono essere certificate, poiché l'intermediario non fa da sostituto d'imposta, quindi non è chiaro come potresti caricarle su un nuovo conto in amministrato. D'altra parte non potresti neanche usarle in dichiarazione, se non hai altri conti in dichiarativo. OK, basterebbe non fare minus! però si possono fare minus anche se nel complesso si guadagna, grazie al nostro complicato sistema fiscale
    Da tenere presente che in dichiarativo cambiano le regole di compensazione di plus e minus, con pro e contro. Il vantaggio è che non importa l'ordine cronologico, puoi compensare con una minus oggi la plus di ieri (purché nello stesso anno). Lo svantaggio è che, proprio perché non conta l'ordine cronologico, la plus di ieri seguita da minus oggi non "rolla" l'arretrato degli anni precedenti (cosa che a volte conviene per non portarle a scadere) ma si compensa all'interno dello stesso anno.

  5. #1815
    L'avatar di merlin8121
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    2,034
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    In realtà, se fai il login al sito AdE, puoi ricopiare il facsimile di DeGiro anche da solo in dichiarazione dei redditi modello Redditi o nei quadri aggiuntivi modello Redditi nel caso fai il 730.
    Le imposte risultanti si pagano con F24. Oppure se sei pigro ti fai aiutare dal caf o commercialista, che non dovrebbe far altro che ricopiare.
    Tuttavia, per non nascondere nulla, almeno in certi casi particolari il regime dichiarativo con DeGiro potrebbe comportare alcune complicazioni nonostante la semplificazione dei facsimile. Faccio alcuni esempi per capirci.
    Un caso è quello degli ETF obbligazionari contenenti bond whitelist con aliquota agevolata (variabile secondo la composizione dell'ETF). Par di capire che le procedure attuali di elaborazione dei facsimile potrebbero non tener conto dell'aliquota effettiva ma applicarti comunque il 26%. La questione è stata segnalata allo studio che cura le dichiarazioni e spero si trovi una soluzione.
    Altra questione, se per caso avevi già dei titoli in un conto amministrato e vuoi trasferirli su DeGiro, attualmente non viene caricato il prezzo di carico originario ma quello della data del trasferimento.
    In entrambi i casi dovrai modificare il facsimile prodotto in base a quei dati, il che è meno banale che ricopiare...
    Ovviamente dovrai rimettere mano anche se hai più di un conto in dichiarativo, dovendo fondere le dichiarazioni, o se per caso intendi optare per la tassazione ordinaria nei casi previsti (ETF ecc.).

    Un'altra difficoltà che non riguarda solo DeGiro ma qualsiasi conto in dichiarativo potrebbe nascere se e quando chiuderai il conto in dichiarativo. Eventuali minus residue afaik non possono essere certificate, poiché l'intermediario non fa da sostituto d'imposta, quindi non è chiaro come potresti caricarle su un nuovo conto in amministrato. D'altra parte non potresti neanche usarle in dichiarazione, se non hai altri conti in dichiarativo. OK, basterebbe non fare minus! però si possono fare minus anche se nel complesso si guadagna, grazie al nostro complicato sistema fiscale
    Da tenere presente che in dichiarativo cambiano le regole di compensazione di plus e minus, con pro e contro. Il vantaggio è che non importa l'ordine cronologico, puoi compensare con una minus oggi la plus di ieri (purché nello stesso anno). Lo svantaggio è che, proprio perché non conta l'ordine cronologico, la plus di ieri seguita da minus oggi non "rolla" l'arretrato degli anni precedenti (cosa che a volte conviene per non portarle a scadere) ma si compensa all'interno dello stesso anno.
    I punti di difficoltà che potrebbero verificarsi sono però in realtà dei casi specifici. Ciò che va risaltato per correttezza penso sia il fatto che in realtà la rendicontazione con Degiro nella maggior parte dei casi non è difficltosa quanto molti pensano , anche aiutati da chi fà controinformazione (senza conoscere effettivamente la procedura). Per questo chiedevo indirettamente l'intervento tuo, che essendo cliente Degiro, la conosci bene.

    Le scelte non devono basarsi su paure infondate e promosse ad arte ma da un attento esame dei vantaggi e svantaggi reali.

  6. #1816
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,041
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    60 Post(s)
    Quoted
    3600 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da merlin8121 Visualizza Messaggio
    I punti di difficoltà che potrebbero verificarsi sono però in realtà dei casi specifici. Ciò che va risaltato per correttezza penso sia il fatto che in realtà la rendicontazione con Degiro nella maggior parte dei casi non è difficltosa quanto molti pensano , anche aiutati da chi fà controinformazione (senza conoscere effettivamente la procedura). Per questo chiedevo indirettamente l'intervento tuo, che essendo cliente Degiro, la conosci bene.

    Le scelte non devono basarsi su paure infondate e promosse ad arte ma da un attento esame dei vantaggi e svantaggi reali.
    C'è eccessivo timore, che però nasce da un sistema fiscale incomprensibile. DeGiro ha lanciato una soluzione innovativa che è quella del regime dichiarativo "assistito" per così dire, cioè la pappa pronta: nella maggior parte dei casi il cliente deve solo ricopiare la pappardella dal facsimile alla dichiarazione dei redditi. Tuttavia, come dicevo, non si può escludere del tutto di dover affrontare qualche complicazione in casi particolari, è bene essere chiari a scanso di equivoci.
    Bisogna anche valutare l'operatività di ciascuno. Se l'idea è comprare un etf al mese su Borsa italiana non cambia moltissimo se lo fai su DeGiro o su Directa. Un PAC da 500€/mese costa 22,80 euro/anno su Directa e 25,80 su DeGiro (oppure 0 euro su DeGiro se si fa il PAC su un ETF in promozione zero commissioni).

  7. #1817
    L'avatar di merlin8121
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    2,034
    Mentioned
    26 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    C'è eccessivo timore, che però nasce da un sistema fiscale incomprensibile. DeGiro ha lanciato una soluzione innovativa che è quella del regime dichiarativo "assistito" per così dire, cioè la pappa pronta: nella maggior parte dei casi il cliente deve solo ricopiare la pappardella dal facsimile alla dichiarazione dei redditi. Tuttavia, come dicevo, non si può escludere del tutto di dover affrontare qualche complicazione in casi particolari, è bene essere chiari a scanso di equivoci.
    Bisogna anche valutare l'operatività di ciascuno. Se l'idea è comprare un etf al mese su Borsa italiana non cambia moltissimo se lo fai su DeGiro o su Directa. Un PAC da 500€/mese costa 22,80 euro/anno su Directa e 25,80 su DeGiro (oppure 0 euro su DeGiro se si fa il PAC su un ETF in promozione zero commissioni).
    Si potrebbe aggiungere un grande vantaggio che ha il regime dichiarativo offerto da Degiro/IB ed altri. Il gain che comporta il pagamento immediato della plusvalenza nel regime amministrato, nel dichiarativo viene solo contabilizzato cosi come le minusvalenze e poi a fine anno solo quando si va a rendicontare si pagano le tasse derivanti dalla contabilità. Ciò comporta che uno ha l'effetivo totale dei soldi (capitale+plusvalenze) a disposizione per continuare a fare il trading con disponibilità maggiore tutto l'anno. Inoltre se durante l'anno uno guadagna e poi alla fine perde magari azzerando il bilancio, non deve pagare tasse su plusvalenze non realizzate. Invece con l'amminnistrato può accadere oggi di guadagnare x usd , pagare le plusvalenze e poi tra un mese perderne il doppio con il risultato che in tasca ti rimarrà un "virtuale" saldo a favore di minusvalenze, che però se no nfarai altre plusvalenze rimarrà molto "virtuale" e magari pure scomparirà dopo 4 anni. Risultato , si paga sicuro e si recupera "forse" con l'amministrato. Con il dichiarativo si paga se effettivamente a fine anno si guadagna.

  8. #1818
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,041
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    60 Post(s)
    Quoted
    3600 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da merlin8121 Visualizza Messaggio
    Si potrebbe aggiungere un grande vantaggio che ha il regime dichiarativo offerto da Degiro/IB ed altri. Il gain che comporta il pagamento immediato della plusvalenza nel regime amministrato, nel dichiarativo viene solo contabilizzato cosi come le minusvalenze e poi a fine anno solo quando si va a rendicontare si pagano le tasse derivanti dalla contabilità. Ciò comporta che uno ha l'effetivo totale dei soldi (capitale+plusvalenze) a disposizione per continuare a fare il trading con disponibilità maggiore tutto l'anno. Inoltre se durante l'anno uno guadagna e poi alla fine perde magari azzerando il bilancio, non deve pagare tasse su plusvalenze non realizzate. Invece con l'amminnistrato può accadere oggi di guadagnare x usd , pagare le plusvalenze e poi tra un mese perderne il doppio con il risultato che in tasca ti rimarrà un "virtuale" saldo a favore di minusvalenze, che però se no nfarai altre plusvalenze rimarrà molto "virtuale" e magari pure scomparirà dopo 4 anni. Risultato , si paga sicuro e si recupera "forse" con l'amministrato. Con il dichiarativo si paga se effettivamente a fine anno si guadagna.
    Il regime dichiarativo permette un'ottimizzazione fiscale sconosciuta al regime amministrato, il che in pratica significa in alcuni casi poter pagare meno tasse e comunque rinviare il pagamento di un anno. A chi fa ETF e non ha altri redditi potrebbe anche interessare la possibilità di tassazione ordinaria di gain e dividendi con la propria aliquota marginale IRPEF anziché 26%. Però richiede una (piccola) modifica alla dichiarazione.

  9. #1819

    Data Registrazione
    Jun 2019
    Messaggi
    439
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    219 Post(s)
    Potenza rep
    17838740
    Premesso che il ricopiare il facsimile - per chi è abituato a farsi da solo la dichiarazione sul sito dell'AdE - secondo me è l'ultimo dei problemi, ho sempre avuto un dubbio, da profano: se questo fosse sbagliato e il contribuente dovesse successivamente ricevere una qualsiasi contestazione dell'AdE? Perché - parlo solo per me, ovviamente - è quello l'unico motivo che mi spingerebbe a scegliere Directa et simila e il regime amministrato: eventuali errori, di qualsiasi natura, non sarebbero un mio problema.

  10. #1820
    L'avatar di genioarcipelago
    Data Registrazione
    Sep 2001
    Messaggi
    53,757
    Mentioned
    21 Post(s)
    Quoted
    2194 Post(s)
    Potenza rep
    42949692
    Citazione Originariamente Scritto da Fall1n1 Visualizza Messaggio
    Premesso che il ricopiare il facsimile - per chi è abituato a farsi da solo la dichiarazione sul sito dell'AdE - secondo me è l'ultimo dei problemi, ho sempre avuto un dubbio, da profano: se questo fosse sbagliato e il contribuente dovesse successivamente ricevere una qualsiasi contestazione dell'AdE? Perché - parlo solo per me, ovviamente - è quello l'unico motivo che mi spingerebbe a scegliere Directa et simila e il regime amministrato: eventuali errori, di qualsiasi natura, non sarebbero un mio problema.
    Cioe'???
    Sarebbero i miei allora???
    Non e' che sia troppo chiara questa.

Accedi