DEGIRO sbarca in Italia - Pagina 171
Credibilità Fed a rischio. Per Paul Tudor Jones l’inflazione resterà e se Powell fa finta di nulla unica salvezza è buttarsi su materie prime e bitcoin
Le attese degli investitori sono di una Federal Reserve che si manterrà ultra-accomodante anche dopo il +5% segnato dall’inflazione Usa a maggio. Il mercato dà credito alla view della Fed …
Saipem getta basi per importante spunto rialzista, titolo pregusta ritorno a livelli pre-Covid
L’andamento dei prezzi di Saipem parla chiaro: il titolo della società operante nel settore della costruzione e manutenzione delle infrastrutture al servizio dell’industria energetica sta gettando le basi per un …
Stipendi top manager Piazza Affari: adesso essere sostenibili può far lievitare la paga
La pandemia ha chiaramente sconvolto le dinamiche interne alle aziende. Tra le priorità emerge sempre più forti nell’ultimo ano e mezzo c’è sicuramente quella di un maggior impegno verso la …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1701
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,096
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    3643 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da The G Visualizza Messaggio
    Buongiorno;

    stavo prendendo in considerazione l'apertura di degiro, e sono andato ad approfondire la questione fiscale.
    ok che degiro mi da un modulo che consegno al CAF e fanno tutto loro.
    Però sono incappato in una tassa che con un broker italiano non si paga: IVAFE

    il mio dubbio: si applica anche sui prodotti finanziari? ovvero se ho investito 20k su un ETF o su un azione quotata su una borsa europea o USA ecc, devo pagare lo 0,2% (40€) anche se solamente detengo il prodotto in portafoglio?

    sarebbe un costo extra non indifferente in caso di patrimoni sostanziosi.
    o l' IVAFE si paga solamente sulla liquidità non investita nel conto di degiro??

    Grazie a chi mi sa rispondere


    Sul conto trading DeGiro non è consentito detenere liquidità.
    Le disponibilità che vedi in portafoglio sono in realtà quote di fondi monetari in euro (o altre valute, se si converte). Quando acquisti un titolo su DeGiro, vengono automaticamente vendute quote del fondo in euro per un pari controvalore, e viceversa quando rivendi im titolo i proventi vengono automaticamente congelati in quote del fondo monetario. Quindi su DeGiro non hai liquidità in quanto tale.

    Da pochissimo però c’è una novità: il marchingegno di cui sopra è in via di superamento, almeno per gli euro. Al suo posto si apre un conto cassa collegato al conto trading DeGiro. Il nuovo conto è presso la banca tedesca Flatex, che nel frattempo è diventata proprietaria di DeGiro. La liquidità quindi è su Flatex, il trading titoli è su DeGiro. Ma è più complicato a dirsi che a farsi: a livello pratico come operatività non cambia nulla. Usi gli euro come al solito nella piattaforma DeGiro.

    Dal punto di vista fiscale bisognerà stabilire se sul conto Flatex sia dovuto il “bollo” (IVAFE) in misura fissa come sui conti correnti o il “bollo” (IVAFE) in misura proporzionale come sui conti deposito. La questione è stata dibattuta nei thread citati da @Imar, sulla base della normativa fiscale italiana (poco chiara) e delle prassi (a quanto pare contraddittorie) di alcune banche e broker con sede in Italia.

    Ad ogni modo, l’anno prossimo riceverai da DeGiro il facsimile dei quadri da inserire in dichiarazione dei redditi, elaborato da un commercialista convenzionato, quindi, se lo ritieni, potrai basarti su quello, a meno che non preferisci elaborare la tua dichiarazione da solo o con l’aiuto di un professionista di fiducia per avere pieno controllo su quello che dichiari o per altre esigenze.

    Da notizie che ho raccolto sembra comunque che il conto Flatex potrebbe, forse, essere considerato come un conto corrente (nel facsimile che sarà elaborato dal commercialista convenzionato e inviato ai clienti), ma la certezza ancora non c’è.

    C’è anche da dire che sulla liquidità in euro sopra i 2.500€ si paga un interesse negativo, quindi non conviene lasciare ferme a lungo grosse cifre liquide in euro, a prescindere dal tipo di bollo applicato.
    Ultima modifica di lastrico; 10-11-20 alle 21:57

  2. #1702

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    1,839
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    653 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da emanu37429 Visualizza Messaggio
    Quello che dici sul cash valeva prima, ora che i depositi sono tenuti su un conto corrente ..................
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    Da notizie che ho raccolto sembra comunque che il conto Flatex potrebbe, forse, essere considerato come un conto corrente (nel facsimile che sarà elaborato dal commercialista convenzionato e inviato ai clienti), ma la certezza ancora non c’è.
    Ragazzi con me sfondate una porta aperta, ho speso ore sull'altro thread per spiegare che il conto di appoggio al trading detenuto presso un broker è una cosa diversa dal conto deposito.

    Vorrei però far notare che è Degiro stessa a dire che Flatex è un conto deposito, nalla pagina che ho linkato ad esempio leggo:

    "
    A partire da luglio 2020, la possibilità di detenere denaro in un conto deposito personale con flatex Bank sarà gradualmente offerta ai clienti DEGIRO
    "


    PS Lastrico, io prendo i pop corn e resto in attesa, perchè se adesso dichiarativo.com SRLS lo considera un conto corrente, dovrebbe spiegarci cosa è cambiato rispetto alla tesi che ha esposto ed argomentato nell'altro thread....

  3. #1703

    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    8,675
    Mentioned
    75 Post(s)
    Quoted
    5657 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da Imar Visualizza Messaggio
    Ragazzi con me sfondate una porta aperta, ho speso ore sull'altro thread per spiegare che il conto di appoggio al trading detenuto presso un broker è una cosa diversa dal conto deposito.

    Vorrei però far notare che è Degiro stessa a dire che Flatex è un conto deposito, nalla pagina che ho linkato ad esempio leggo:

    "
    A partire da luglio 2020, la possibilità di detenere denaro in un conto deposito personale con flatex Bank sarà gradualmente offerta ai clienti DEGIRO
    "


    PS Lastrico, io prendo i pop corn e resto in attesa, perchè se adesso dichiarativo.com SRLS lo considera un conto corrente, dovrebbe spiegarci cosa è cambiato rispetto alla tesi che ha esposto ed argomentato nell'altro thread....
    Degiro dice che è un conto deposito ma nella documentazione fornita da Flatex viene chiamato conto corrente e visto che la documentazione contrattuale ha valore legale mentre le FAQ sul sito no, io mi regolo in base alla documentazione fornita da Flatex

  4. #1704

    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    477
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    68 Post(s)
    Potenza rep
    14181781
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    L'emittente dell'ETF comunque ha già pagato la tassazione estera sui dividendi o cedole che incassa dai singoli titoli (azioni o obbligazioni) che compongono il patrimonio dell'ETF. Per esempio un ETF di azioni statunitensi, domiciliato in Irlanda, paga il 15% sui dividendi che incassa dalle azioni, AFAIK.
    Quando l'ETF a distribuzione distribuisce a sua volta un dividendo al cliente finale, su quel dividendo è dovuta la tassazione italiana del 26% (o 12,50% se è un ETF di titoli di Stato di paesi in white list).
    in realtà a me fineco fa doppia tassazione


  5. #1705
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,096
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    3643 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da walter89 Visualizza Messaggio
    in realtà a me fineco fa doppia tassazione

    Quella nello screenshot Fineco non è doppia tassazione Italia-estero.
    Semplicemente ti mostrano quanto paghi al fisco italiano di ritenuta sul dividendo.
    Compaiono due importi perché quell'etf obbligazionario contiene sia titoli tassati con aliquota al 26% (prima riga) sia una parte tassata al 12,50% (titoli di Stato di paesi in white list, seconda riga). Facendo due conti la tassazione media che ti è stata applicata è del 17% circa. In ogni caso sono imposte italiane.

  6. #1706
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,096
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    3643 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Imar Visualizza Messaggio
    Ragazzi con me sfondate una porta aperta, ho speso ore sull'altro thread per spiegare che il conto di appoggio al trading detenuto presso un broker è una cosa diversa dal conto deposito.

    Vorrei però far notare che è Degiro stessa a dire che Flatex è un conto deposito, nalla pagina che ho linkato ad esempio leggo:

    "
    A partire da luglio 2020, la possibilità di detenere denaro in un conto deposito personale con flatex Bank sarà gradualmente offerta ai clienti DEGIRO
    "


    PS Lastrico, io prendo i pop corn e resto in attesa, perchè se adesso dichiarativo.com SRLS lo considera un conto corrente, dovrebbe spiegarci cosa è cambiato rispetto alla tesi che ha esposto ed argomentato nell'altro thread....
    Però si parla di situazioni diverse. Nella risposta che dici, ti rispondeva sul caso di un conto trading estero dove puoi depositare anche dei soldi, che poi credo sia il caso più comune. L'olandese DeGiro però è particolare: non consente di depositare soldi sul conto trading, che quindi contiene esclusivamente titoli, ma prevede di detenere la liquidità su un conto d'appoggio presso la banca Flatex proprietaria di DeGiro.

  7. #1707
    L'avatar di The G
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    258 Post(s)
    Potenza rep
    3153779
    intanto ringrazio tutti per i chiarimenti;

    un altra cosa: con il report che mi da Degiro io mi reco al mio solito CAF, loro copiano i dati nel modello PF 2020 e le tasse che devo pagare (chessò 60€ per esempio) le pago direttamente lì al CAF o come funziona? Mi compilano un modello F24? o me lo devo compilare io??

    scusate le domande banali ma al CAF andavo solo per scaricare le spese mediche e versamenti volontari al fondo pensione; ho visto anche parecchi video you tube, però in nessuno di questi dicevano come avveniva poi l'atto del pagamento in se

  8. #1708
    L'avatar di The G
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Messaggi
    424
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    258 Post(s)
    Potenza rep
    3153779
    aggiungo un'ultima domanda poi dovrei avere tutto chiaro

    ora sto facendo un PAC su iShares $ Treasury Bond 7-10yr IBTM, ho visto che su Degiro rientra negli ETF senza commissioni.
    Dato che è quotato su Euronext Amsterdam, il dividendo del 2%~ è soggetto alla doppia tassazzione?

  9. #1709

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    1,839
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    653 Post(s)
    Potenza rep
    42949689
    Citazione Originariamente Scritto da lastrico Visualizza Messaggio
    Però si parla di situazioni diverse. Nella risposta che dici, ti rispondeva sul caso di un conto trading estero dove puoi depositare anche dei soldi, che poi credo sia il caso più comune. L'olandese DeGiro però è particolare: non consente di depositare soldi sul conto trading, che quindi contiene esclusivamente titoli, ma prevede di detenere la liquidità su un conto d'appoggio presso la banca Flatex proprietaria di DeGiro.

    Bah, quella strana creatura che noi chiamiamo "conto trading" è sempre fatto da un conto di appoggio per la liquidità e da un deposito titoli (DeGiro era una eccezione, in pratica con l'escamotage del fondo monetario era solo un deposito titoli, quindi - in questo specifico caso - era giusto dichiarare tutto col codice 20 e pagare su tutto lo 0,2%)

    L'unica differenza col DeGiro attuale è che qui intervengono due soggetti diversi (un pò come Directa e le banche convenzionate) ma la sostanza - che è quella che deve guardare il fisco - non cambia poi di molto.

    Così come io capisco che è abbastanza tranquillizante per l'utente medio se Degiro definisce il conto flatex come "conto corrente" nelle condizioni generali di contratto, ma la verità è che l'imposizione fiscale si basa (almeno dovrebbe) su situazioni di fatto e non su differenze di definzione.

    Se la situazione di fatto è uguale, l'imposizione fiscale deve essere uguale, non può cambiare perchè un emittente la chiama "Gelsomino" ed un altro la chiama "Valentino", oppure perchè un soggetto fa tutto in casa ed un altro ripartisce le funzioni del conto trading tra due soggetti diversi.

    Comunque, ben venga l'innovazione di DeGiro che forse si è accorta che se i pesci grossi possono risparmiare TOT di commissioni ma poi pagano TOT di IVAFE, allora non sono motivati di lasciare i cari vecchi broker italici (anche perchè le commissioni sono deducibili dal capital gain, IVAFE ed interessi passivi no).

  10. #1710
    L'avatar di lastrico
    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    6,096
    Blog Entries
    22
    Mentioned
    68 Post(s)
    Quoted
    3643 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Imar Visualizza Messaggio
    Bah, quella strana creatura che noi chiamiamo "conto trading" è sempre fatto da un conto di appoggio per la liquidità e da un deposito titoli (DeGiro era una eccezione, in pratica con l'escamotage del fondo monetario era solo un deposito titoli, quindi - in questo specifico caso - era giusto dichiarare tutto col codice 20 e pagare su tutto lo 0,2%)

    L'unica differenza col DeGiro attuale è che qui intervengono due soggetti diversi (un pò come Directa e le banche convenzionate) ma la sostanza - che è quella che deve guardare il fisco - non cambia poi di molto.

    Così come io capisco che è abbastanza tranquillizante per l'utente medio se Degiro definisce il conto flatex come "conto corrente" nelle condizioni generali di contratto, ma la verità è che l'imposizione fiscale si basa (almeno dovrebbe) su situazioni di fatto e non su differenze di definzione.

    Se la situazione di fatto è uguale, l'imposizione fiscale deve essere uguale, non può cambiare perchè un emittente la chiama "Gelsomino" ed un altro la chiama "Valentino", oppure perchè un soggetto fa tutto in casa ed un altro ripartisce le funzioni del conto trading tra due soggetti diversi.

    Comunque, ben venga l'innovazione di DeGiro che forse si è accorta che se i pesci grossi possono risparmiare TOT di commissioni ma poi pagano TOT di IVAFE, allora non sono motivati di lasciare i cari vecchi broker italici (anche perchè le commissioni sono deducibili dal capital gain, IVAFE ed interessi passivi no).
    Teniamo anche conto che dato il tasso d’interesse negativo sopra i 2.500 € il cliente DeGiro-Flatex tenderà a non lasciare liquidità sopra quella soglia, quindi il calcolo esatto dell’IVAFE ha un interesse quasi più teorico che pratico, mi pare.

Accedi