TOBIN TAX...solo dai giornali con firma d'autore IV - Pagina 100
ENI: analisti vedono terzo trimestre debole, l?impatto della crescita in Norvegia
Tempi difficili per le oil company, strette fra la perdurante debolezza del prezzo del petrolio e la svolta dell?economia globale verso orizzonti sostenibili. Così, analisti e investitori stanno cominciando a …
Banco Bpm incontenibile in Borsa, tutti i pro e i contro di una fusione con UBI
La possibile fusione tra Banco Bpm e Ubi Banca continua a tenere banco a Piazza Affari. L?unione tra il terzo e quarto gruppo bancario italiano porterebbe alla creazione di un …
Trump minaccia sanzioni potenti contro la Turchia, lira scende ma non affonda. Trader scettici
Così il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg: "E' assurdo pensare a sanzioni per un Paese e allo stesso tempo parlare dell'adesione all'Ue".
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #991
    L'avatar di Vincent Vеga
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    21,637
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    5307 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Citazione Originariamente Scritto da napo70 Visualizza Messaggio
    Considerando che questa è un'operazione che aggiunge profondità alla negoziazione


    In questi casi, un prelievo sulle acquisizioni lorde avrebbe un effetto negativo di espansione del "Spread" o differenziale dei prezzi di acquisto e di vendita, potendo eliminare nella pratica questa operazione, si ritiene opportuno stabilire una regola speciale per determinare la base tassabile in questi casi, in modo che siano tassati solo gli acquisti netti di titoli ciò sarebbe risultato alla fine del giorno di negoziazione
    toh ci sono arrivati

  2. #992
    L'avatar di napo70
    Data Registrazione
    May 2002
    Messaggi
    1,740
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    50 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Un tassa europea sulla transazioni finanziarie, la proposta di Parigi e Berlino

    "Un tassa europea sulla transazioni finanziarie, la proposta di Parigi e Berlino
    I ministri delle Finanze di Francia e Germania portano all'Eurogruppo una bozza di legge per l'introduzione di un'imposta comune su tutte le operazioni effettuate all'interno della zona Euro.

    Redazione Bruxelles
    03 dicembre 2018 10:13




    Per anni l'hanno chiamata Tobin Tax per via dell'economista che l'aveva proposta. Oggi, non ha ancora un nome ma il senso è più o meno lo stesso: una tassa sulle transazioni finanziarie per rimpinguare le casse pubbliche. E' la proposta portata sul tavolo dell'Eurogruppo, che si riunisce oggi a Bruxelles, dal ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, e dal titolare delle Finanze tedesche, Olaf Scholz.

    A renderlo noto il quotidiano "Sueddeutsche Zeitung", citando fonti vicine a Scholz. La proposta franco-tedesca è di creare una tassa europea, quindi sovranazionale, per tutte le transazioni finanziarie effettuate nell'Eurozona o nell'intera Unione: nel primo caso, i ricavi andrebbero direttamente nel bilancio comune dei Paesi della zona Euro (che ancora non è stato costituito), nel secondo caso rimpinguerebbe le casse sempre meno "ricche" dell'Ue a 27.

    L'imposta, stando a quanto si legge nel documento preparato da Le Maire e Scholz, si baserà su quella già in vigore in Francia e dovrà essere versata da "tutte le imprese con una quotazione azionaria superiore al miliardo di euro". Per convincere gli Stati membri contrari a questa tassa, Le Maire e Scholz propongono che le entrate vengano impiegate per "compensare i contributi al bilancio dell'Ue".

    Del resto, una proposta simile era stata avanzata da Mario Monti e dal suo gruppo di lavoro sulle risorse proprie dell'Unione, ossia sugli strumenti fiscali per garantire a Bruxelles forme di finanziamento diretto e non "mediate" dai contributi degli Stati membri.“

  3. #993
    L'avatar di napo70
    Data Registrazione
    May 2002
    Messaggi
    1,740
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    50 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Bloomberg - Are you a robot?


    "Gli acquirenti di azioni in Europa pagherebbero una tassa sulle transazioni di almeno lo 0,2 percento del prezzo d'acquisto secondo un piano stabilito da Germania e Francia.

    I due paesi stanno cercando di rilanciare i colloqui sulla tassa, che si sono trascinati per oltre sette anni, come parte dei loro sforzi per rafforzare la zona euro . Il loro ultimo progetto di proposta offre la possibilità di indirizzare le entrate dal prelievo in un bilancio dell'area dell'euro. È previsto anche un certo grado di ripartizione delle entrate tra i paesi partecipanti, un punto che potrebbe aiutare a influenzare i paesi più piccoli a sottoscrivere il piano.


    La Commissione europea ha proposto per la prima volta una tassa sulle transazioni finanziarie nel 2011 per assicurarsi che l'industria abbia apportato un "contributo equo" dopo che i contribuenti hanno sostenuto i costi della crisi finanziaria. Quando alcuni stati membri si sono opposti al piano, un gruppo più piccolo ha cercato un compromesso secondo le regole della "cooperazione rafforzata". Austria, Belgio, Francia, Germania, Grecia, Italia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna sono ancora al tavolo.


    Il nuovo piano tedesco-francese visto da Bloomberg elabora una proposta precedentemente annunciata basata su un prelievo esistente in Francia. Altri punti chiave della proposta includono:

    La tassa si applicherebbe alle azioni emesse da società con sede in uno dei paesi partecipanti e la cui capitalizzazione di mercato supera 1 miliardo di euro ($ 1,2 miliardi)
    Le attività di mercato sarebbero esenti

    Anche le transazioni infragiornaliere non rientrerebbero nel campo di applicazione dell'imposta, che si applicherebbe solo alla "posizione netta di un'acquisizione alla fine della giornata"
    La tassa si applicherebbe anche se la transazione si verifica al di fuori dell'UE"

  4. #994
    L'avatar di napo70
    Data Registrazione
    May 2002
    Messaggi
    1,740
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    50 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Bloomberg - Are you a robot?

    "Piano europeo di tassare i titoli azionari più vicini a diventare realtà
    Di Alexander Weber

    12 marzo 2019, 13:51 CET Aggiornato su 12 marzo 2019, 15:12 CET

    I ministri dell'UE accettano di andare avanti con la proposta franco-tedesca
    Il testo legislativo è indirizzato a maggio, secondo il funzionario

    I commercianti di quote europee potrebbero trovarsi di fronte a una nuova fattura fiscale in quanto i ministri delle finanze si avvicinano a un accordo in trattative di lunga data su una tassa sulle transazioni finanziarie.

    In una riunione a lunedì inoltrato a Bruxelles, i ministri delle finanze dei 10 paesi dell'Unione europea coinvolti hanno deciso di portare avanti un modello che Francia e Germania hanno proposto come parte degli sforzi per riformare l'area dell'euro, secondo due funzionari coinvolti nei colloqui. Il piano è di avere un testo legislativo pronto a maggio, ha detto uno dei funzionari.




    "Sembra che avremo un consenso e troveremo una soluzione per questa questione duratura", ha detto oggi ai giornalisti a Bruxelles il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz. Il modello in discussione "potrebbe essere forse qualcosa che sta convincendo alcuni altri paesi" al di fuori del gruppo di lavoro, ha affermato.

    La Commissione europea ha proposto per la prima volta una tassa sulle transazioni finanziarie nel 2011 per assicurarsi che l'industria abbia apportato un "contributo equo" dopo che i contribuenti hanno sostenuto i costi della crisi finanziaria. Quando alcuni stati membri si sono opposti al piano, un gruppo più piccolo ha cercato un compromesso secondo le regole della "cooperazione rafforzata". Austria, Belgio, Francia, Germania, Grecia, Italia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna sono ancora al tavolo.

    Germania e Francia hanno cercato di rilanciare i negoziati con un piano per introdurre una tassa basata su un prelievo esistente in Francia. La proposta prevede un'aliquota di almeno lo 0,2%, che si applicherebbe alle acquisizioni di azioni emesse da società con sede in uno dei paesi partecipanti e la cui capitalizzazione di mercato supera 1 miliardo di euro ($ 1,1 miliardi), secondo i documenti visti da Bloomberg.

    La nuova spinta contrasta con i precedenti piani in base ai quali anche le operazioni su obbligazioni, derivati ​​e altri titoli sarebbero state tassate, ma si è rivelato troppo difficile da concordare. Ci sono ancora domande aperte su come verranno utilizzate le entrate e su quanti paesi dell'UE alla fine aderiranno alla tassa, secondo i funzionari."

  5. #995
    L'avatar di Vincent Vеga
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    21,637
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    5307 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Spain obstructs agreement on ‘Tobin tax’ – EURACTIV.com

    Revenue sharing among member states appears as the main outstanding issue in order to reach an agreement on the financial transaction tax (FTT), as Spain still opposes the redistribution of resources, European officials told EURACTIV.

  6. #996
    L'avatar di Vincent Vеga
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    21,637
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    5307 Post(s)
    Potenza rep
    42949680

  7. #997
    L'avatar di napo70
    Data Registrazione
    May 2002
    Messaggi
    1,740
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    50 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Sempre peggio

  8. #998
    L'avatar di napo70
    Data Registrazione
    May 2002
    Messaggi
    1,740
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    50 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    Turco sottosegretario alla Presidenza, Taranto nel governo | Tarantobuonasera

    "Ovviamente non sarà solo Taranto il terre*no in cui Turco misurerà ruolo e capacità: «Vorrei portare avanti il mio grande pro*getto di contrasto alla finanza speculativa attraverso il superamento della Tobin tax (introdotta dal governo Monti nel 2012, ndr) con la Raider tax». Una proposta di legge che il senatore Turco ha già pre*sentato per la prossima legge di bilancio. Sarebbe un modo, secondo il nuovo sotto*segretario, di colpire le azioni speculative e di favorire gli investimenti produttivi, quelli che creano economia reale."

  9. #999

  10. #1000
    L'avatar di Vincent Vеga
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    21,637
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    5307 Post(s)
    Potenza rep
    42949680
    Technical talks among national experts participating in enhanced cooperation on a financial transaction tax may have reached their limits, with political guidance unlikely to emerge from a gathering of EU finance ministers in Helsinki

    Twitter

Accedi