Interactive Brokers e regime dichiarativo - Pagina 51
BTP Italia tornerà a far breccia tra le famiglie? Emissione al via tra tante certezze e qualche incognita
Tutto pronto per il Btp Italia. Il collocamento della quindicesima emissione del titolo di stato indicizzato all?inflazione (FOI meno tabacchi) dedicato ai piccoli risparmiatori italiani avrà luogo dal 21 al …
Tassi di interesse negativi ci dicono che il futuro vale più del presente in un mondo dove sovrabbonda il risparmio
Cosa si nasconde dietro questa grossa ondata di tassi d?interesse negativi? Da Francoforte  a Zurigo passando per Tokio, più di un terzo dei bond presenti sul mercato offrono ormai ritorni …
Calendario conti 3° trimestre 2019 Ftse Mib: apre Saipem, banche e FCA le più attese
Dopo un inizio poco fortunato, il mese di ottobre ha visto un forte rialzo dei mercati azionari internazionali. Gli indici USA sono tornati sui massimi storici, mentre quelli europei (Ftse …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #501

    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    149
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    12 Post(s)
    Potenza rep
    951686
    Citazione Originariamente Scritto da 1966 Visualizza Messaggio
    @Dichiarativo.com
    mi farebbe piacere avere un'idea di quanto sarebbe il costo del vostro servizio per un soggetto che non fa trading ma semplice investimento di lungo periodo con lo scopo di incassare i dividendi. Quindi con una operatività limitata ad uno o due acquisti/vendite al mese e uno o due trasferimenti di liquidità al mese in entrata/uscita dal conto interactive brokers. Mi chiedo anche se ci sarebbero dei vantaggi a passare da un classico deposito titoli in regime amministrato con fineco ad uno dichiarativo e quali sarebbero per una operatività come questa.

    Grazie
    e chi mi fece un errore sul calcolo dell'amministrato, tralasciando di dedurre delle minusvalenza pregresse, fu proprio F.
    Correggerlo, come ti dicevo, richiese numerose lettere.
    Con dichiarativo.com puoi controllare tutto priima di pagare.

  2. #502

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    2,770
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    609 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da valueguy76 Visualizza Messaggio
    Rispondo anche io che sono cliente dichiarativo.com da diversi anni.
    E faccio esattamente quello che fai te: operatività limitata, analisi fondamentale di lungo periodo, mercati di tutto il mondo.


    I grandi vantaggi, imho, di dichiarativo.com sono due:


    1) UNA FORTE OTTIMIZZAZIONE FISCALE

    a) Con l'amministrato devi seguire l'iter temporale delle trades. Prima di vendere qualcosa in plus devi crearti una minus.
    Col dichiarativo fai i conti il 30 novembre e puoi riuscire a non pagare capital gains per diversi anni.
    b) Dichiarativo.com ha proprio un servizio a fine novembre che ti permette di simulare la tua chiusura ed ottimizzare il carico fiscale.
    c) Dichiarativo è anche in grado di gestirti e ottimizzarti l'allocazione delle gain degli ETF non armonizzati. Che possono finire su RT, ma anche andare sul reddito normale.
    d) Puoi controllare tutto prima di pagare. Io su alcuni brokers italiani che mi facevano amministrato in passato ho trovato diversi errori. Loro versano allo Stato e chi si è visto si è visto. Per correggere questi errori (una volta non avevano utilizzato una minusvalenza pregressa) è stato faticoso.


    2) PRIMO LIVELLO DI INTERVENTO IN CASO DI DOMANDE DA PARTE DEL FISCO

    Servizio direi impagabile.
    Farsi i calcoli del dichiarativo da soli, anche se aritmeticamente semplici per qualcuno, mi sembra desiderio di vivere pericolosamente.
    In caso di domande dal fisco una cosa è la credibilità dell'investitore, mia o tua, altra è la credibilità di un professionista accreditato che fa da tramite.
    Grazie per la gentile risposta
    Se vuoi, mi potresti dire quanto spendi per questo servizio?

  3. #503

    Data Registrazione
    Nov 2017
    Messaggi
    32
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    13 Post(s)
    Potenza rep
    883343
    Citazione Originariamente Scritto da pappamolla Visualizza Messaggio
    In realtà la mia richiesta era questa

    Per essere ancora più sintetici, 4000 operazioni, quindi voi contate 8000 eseguiti, conto Futures Broker USA/UK NON InteractivE Brokers
    Grazie
    P.S. Ricordo che il mio calcolo di cifre parecchio sopra 500€ era stato definito sbagliato.
    In effetti era così
    Per non intasare il FOL Le chiedo di indicarmi in privato il broker poichè il preventivo cambia in funzione della tipologia di dati

  4. #504

    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    43
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    5 Post(s)
    Potenza rep
    281400
    @valueguy76
    @Dichiarativo.com

    Gentilmente potreste fornire maggiori info sul servizio di fine novembre di Dichiarativo.com?

    Grazie

  5. #505

    Data Registrazione
    Dec 2006
    Messaggi
    149
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    12 Post(s)
    Potenza rep
    951686
    Citazione Originariamente Scritto da 1966 Visualizza Messaggio
    Grazie per la gentile risposta
    Se vuoi, mi potresti dire quanto spendi per questo servizio?
    Sa che non lo so con precisione.
    Ogni anno, è dal 2012 che uso dichiarativo.com, è variato considerevolmente a seconda delle operazioni societarie avvenute.
    Qualche anno ve ne sono state veramente tante e vanno tutte gestite a mano e, a volte, è laborioso tornare ai costi storici.
    In ogni modo il range è sempre stato tra 200 e 400, se non sbaglio. Non vorrei sbagliare, ma mai sopra i 400.
    E consideri che ho tante valute e tanti strumenti e posizioni su tanti mercati.
    E poi una volta ci sono state richieste di chiarimenti/interpretazioni, tutto gestito in autonomia da loro.
    Saluti.

  6. #506

    Data Registrazione
    Feb 2008
    Messaggi
    2,770
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    609 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da valueguy76 Visualizza Messaggio
    Sa che non lo so con precisione.
    Ogni anno, è dal 2012 che uso dichiarativo.com, è variato considerevolmente a seconda delle operazioni societarie avvenute.
    Qualche anno ve ne sono state veramente tante e vanno tutte gestite a mano e, a volte, è laborioso tornare ai costi storici.
    In ogni modo il range è sempre stato tra 200 e 400, se non sbaglio. Non vorrei sbagliare, ma mai sopra i 400.
    E consideri che ho tante valute e tanti strumenti e posizioni su tanti mercati.
    E poi una volta ci sono state richieste di chiarimenti/interpretazioni, tutto gestito in autonomia da loro.
    Saluti.
    Grazie mille

  7. #507

    Data Registrazione
    Oct 2019
    Messaggi
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Tassazione USA

    Buonasera, avrei un dubbio da sottoporvi, purtroppo non ho trovato una risposta chiara in giro.
    Mettiamo che io apra un conto su IB in dollari, quindi il conto sarà in America, la conversione da euro a dollari me la fanno loro in automatico o devo per forza bonificare dollari?
    Ma sopratutto, ci faccio il mio trading, mettiamo che faccio un tot di capital gain, la quota di tasse che va agli Stati Uniti la tolgono automaticamente da ogni transazione o devo fare una dichiarazione dei redditi anche negli Stati Uniti?
    Grazie a tutti e complimenti per il forum

  8. #508
    L'avatar di shaoulin
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    3,228
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    1412 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da florinp Visualizza Messaggio
    Buonasera, avrei un dubbio da sottoporvi, purtroppo non ho trovato una risposta chiara in giro.
    Mettiamo che io apra un conto su IB in dollari, quindi il conto sarà in America, la conversione da euro a dollari me la fanno loro in automatico o devo per forza bonificare dollari?
    Ma sopratutto, ci faccio il mio trading, mettiamo che faccio un tot di capital gain, la quota di tasse che va agli Stati Uniti la tolgono automaticamente da ogni transazione o devo fare una dichiarazione dei redditi anche negli Stati Uniti?
    Grazie a tutti e complimenti per il forum
    Il conto per i cittadini UE sarà fisicamente in UK o Germania.

    Quando lo apri puoi scegliere la valuta di base, se metti 'Euro' usano l'Euro.

    La valuta in ogni caso non è un problema perché su IB puoi detenere liquidità in valute diverse contemporaneamente e convertire dall'una all'altra quando vuoi con spread minimo e costo minimo.

    Le tasse non le paga mai IB, sei tu che devi fare ogni anno dichiarazione redditi nel paese dove risiedi fiscalmente. Per quest'ultima ti consiglio caldamente Le Tasse Per Conti Trading In Regime Dichiarativo

  9. #509

    Data Registrazione
    Nov 2017
    Messaggi
    32
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    13 Post(s)
    Potenza rep
    883343
    Citazione Originariamente Scritto da shaoulin Visualizza Messaggio
    Il conto per i cittadini UE sarà fisicamente in UK o Germania.

    Quando lo apri puoi scegliere la valuta di base, se metti 'Euro' usano l'Euro.

    La valuta in ogni caso non è un problema perché su IB puoi detenere liquidità in valute diverse contemporaneamente e convertire dall'una all'altra quando vuoi con spread minimo e costo minimo.

    Le tasse non le paga mai IB, sei tu che devi fare ogni anno dichiarazione redditi nel paese dove risiedi fiscalmente. Per quest'ultima ti consiglio caldamente Le Tasse Per Conti Trading In Regime Dichiarativo
    Confermo quasi tutto
    Il conto sarà UK (anche se forse li spostano in Lussemburgo a causa della Brexit) non importa dove si fa il bonifico (Germania se EUR, USA se USD)
    Il conto è multivaluta per le liquidità nelle valute impegnate. La valuta base è solo una modalità di rappresentazione dei saldi del conto
    Se acquisto una posizione in dollari prelevano i dollari dal conto in dollari e quando si vende la posizione vengono ridepositati nel conto in dollari. ( Non sono sottoconto proprio perché è un conto multivaluta)
    Per le imposte ha il vantaggio di essere in regime dichiarativo che permette di gestire la fiscalità anziché subirla passivamente ma bisogna sempre indicare il conto in dichiarazione anche se si è in perdita perché è un conto estero e come tutti i conti trading non è un conto corrente per cui non valgono le esenzioni dalla compilazione del quadro RW

Accedi