Investire in un e-commerce o digitalizzare la propria azienda
Dividendi Piazza Affari: gli stacchi sul Ftse Mib di lunedì 21 giugno, maxi-cedola Telecom Italia risparmio e saldo ricco da Poste
Ultima tornata corposa di dividendi per Piazza Affari in questo 2021, in attesa di sapere se la Bce toglierà le restrizioni sulle cedole delle banche (decisione attesa il prossimo 23 …
Sentiment banche: classifica dei correntisti più soddisfatti, Intesa Sanpaolo e BPER al top
Intesa SanPaolo e Bper sono le banche che soddisfano al meglio i correntisti italiani. Così emerge dall?ultima indagine di FinanzaOnLine in collaborazione con T-Voice, società che si occupa di opinion …
Sentiment criptovalute: Monero e Dogecoin scalano classifica delle preferenze, poca fiducia nel Ripple
E’ stata l’ennesima settimana volatile per il bitcoin e le altre criptovalute. Dopo aver segnato il ritorno sopra i 40mila dollari grazie al tweet di Elon Musk sulla possibilità che …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

  1. #1
    L'avatar di er patrizio
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    7,685
    Blog Entries
    54
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    84 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    Investire in un e-commerce o digitalizzare la propria azienda

    La dinamica era già chiara nel pre-covid: l’ecommerce cresceva anno su anno anche in Italia.

    Col Covid il boom vero e proprio.
    Boom dell'e-commerce, il record e italiano: nel 2021 crescita a quota 78% - CorCom

    La maggior parte di PMI tutt’ora non ha un sito internet aziendale e non è strutturata per vendere online con successo.
    E’ evidente che c’è ancora spazio per nuovi e-store.

    Qualche proprietario di e-commerce in questa sezione? State già sfruttando le possibilità offerta da Internet nelle vostre attività?
    Ultima modifica di er patrizio; 05-05-21 alle 18:28

  2. #2
    L'avatar di NicolaRVRA
    Data Registrazione
    May 2021
    Messaggi
    71
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    36 Post(s)
    Potenza rep
    858994
    Sarebbe bene uscissero bandi per ottenere finanziamenti per farsi un ecommerce o migliorarne l'attuale. SI sa nulla a riguardo?

    Rispondendo alla domanda del topic: gestire un ecommerce è molto complesso richiede tantissime skills nonchè tempo, specialmente all'inizio. Devi sapere fare tutto, letteralmente. Oppure ti circondi di dipendenti, dal grafico al webmaster, dal magazziniere al customer care.

  3. #3
    L'avatar di ryuga88
    Data Registrazione
    Apr 2019
    Messaggi
    647
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    261 Post(s)
    Potenza rep
    7262930
    Il problema sono i soldi ed il tempo ma soprattutto la mentalità.

    Prima servono i soldi e non parlo di 2-3K per farlo questo negozio online ma dei 20-30K (MINIMI per me) da spendere in advertising.
    Mica si penserà che i clienti arriveranno da soli solo perché si è aperto il negozio online no? Vai a spiegarlo agli imprenditori delle PMI italiane.
    E qua già ci si scontra col ridicolo: Molti non vogliono spendere neanche i 2-3K che servono per aprirlo, figuriamoci impegnarsi per 20-30K per farlo funzionare.

    Poi però c'è un altro problema: Tempo e professionalità. Se gira, un ecommerce chiede il tempo di un qualsiasi negozio fisico. Meno è vero...ma comunque parecchio tempo.
    Quindi ti serve 1 dipendente nuovo. La live chat 8H al giorno chi la segue? Mica vogliamo fare un ecommerce senza chat nel 2021?
    Resi, recensioni e gestione del cliente poi? Molti non sono psicologicamente preparati a gestire le "crisi".

    Italia 0. Ancora anni luce lontani siamo dal poter diventare digitali.

    @Nicola: Per me è inutile parlare di bandi. Se un'impresa non riesce ad investire 50K (nota: Investire mica buttare) per me può anche chiudere. Basta bandi ed elemosine di stato. Il debole deve soccombere. Non si può andare avanti all'infinito con mancette e regali pagati da chi invece business lo fa davvero.

  4. #4
    L'avatar di rampi
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    1,577
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    24 Post(s)
    Potenza rep
    5124565
    La maggio parte delle PMI non risponde neanche alle email, la maggior parte delle startup in italia non ha il sito o non gli funziona.
    Non ci siamo

  5. #5

    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    157 Post(s)
    Potenza rep
    8335140
    Pensare che nel paese dove vivevo qualche anno fa durante il coronavirus la prima cosa che hanno fatto con i soldi pubblici è finanziare bandi per passare tutte le piccole attività a e-commerce e digitale.
    Si potevano usare quasi 10k totalmente rimborsati e il grosso delle spese per eventuali agenzie web.
    E non parliamo nemmeno degli Stati Uniti dove queste cose erano la base negli anni 2000, non nel 2020. Ormai il solo e-commerce nemmeno basta, servono gestioni di canali online totalmente diversi e sincronizzati gli uni con gli altri.

    Da noi hanno finanziato bonus per tutto tranne che per quello che serviva. Come sempre, perché non si sa mai costringere l'italiano a fare qualcosa che abbia effettivamente un'utilità.

    Tra l'altro io lo faccio di lavoro e il 90% dei nostri clienti sono all'estero, tanto per far capire l'assurdità della gente che poi si lamenta che l'economia italiana va male.

  6. #6
    L'avatar di er patrizio
    Data Registrazione
    Apr 2010
    Messaggi
    7,685
    Blog Entries
    54
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    84 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da NicolaRVRA Visualizza Messaggio
    Sarebbe bene uscissero bandi per ottenere finanziamenti per farsi un ecommerce o migliorarne l'attuale. SI sa nulla a riguardo?

    Rispondendo alla domanda del topic: gestire un ecommerce è molto complesso richiede tantissime skills nonchè tempo, specialmente all'inizio. Devi sapere fare tutto, letteralmente. Oppure ti circondi di dipendenti, dal grafico al webmaster, dal magazziniere al customer care.
    Intendi bandi diretti verso il finanziamento di nuovi e-commerce?
    Ci sono bandi di finanziamento sia a base regionale (per esempio regione Lombardia), nazionale ed europeo, certo la maggior parte si rivolgono alla digitalizzazione di imprese già operanti.

    Verissimo che ci vogliono una serie di professionalità per ecommerce importanti ma secondo me si può partire in 2-3 persone all'inizio. Un programmatore, un digital marketing specialist e l'imprenditore one man band.

  7. #7
    L'avatar di tora64
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    3,012
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    994 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Seguo .
    Anche io sarei interessato ad aprire un ecommerce , al momento ho una semplice pagina web .

  8. #8

    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    945
    Mentioned
    11 Post(s)
    Quoted
    668 Post(s)
    Potenza rep
    39916323
    Citazione Originariamente Scritto da ryuga88 Visualizza Messaggio
    Il problema sono i soldi ed il tempo ma soprattutto la mentalità.

    Prima servono i soldi e non parlo di 2-3K per farlo questo negozio online ma dei 20-30K (MINIMI per me) da spendere in advertising.
    Mica si penserà che i clienti arriveranno da soli solo perché si è aperto il negozio online no? Vai a spiegarlo agli imprenditori delle PMI italiane.
    E qua già ci si scontra col ridicolo: Molti non vogliono spendere neanche i 2-3K che servono per aprirlo, figuriamoci impegnarsi per 20-30K per farlo funzionare.

    Poi però c'è un altro problema: Tempo e professionalità. Se gira, un ecommerce chiede il tempo di un qualsiasi negozio fisico. Meno è vero...ma comunque parecchio tempo.
    Quindi ti serve 1 dipendente nuovo. La live chat 8H al giorno chi la segue? Mica vogliamo fare un ecommerce senza chat nel 2021?
    Resi, recensioni e gestione del cliente poi? Molti non sono psicologicamente preparati a gestire le "crisi".

    Italia 0. Ancora anni luce lontani siamo dal poter diventare digitali.

    @Nicola: Per me è inutile parlare di bandi. Se un'impresa non riesce ad investire 50K (nota: Investire mica buttare) per me può anche chiudere. Basta bandi ed elemosine di stato. Il debole deve soccombere. Non si può andare avanti all'infinito con mancette e regali pagati da chi invece business lo fa davvero.

  9. #9
    L'avatar di Sirswatch
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    8,063
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    3063 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    in effetti la situazione delle pmi italiche è tragica
    Essendo nel settore vedo che tirano sempre a spendere il meno possibile, se inizi a parlargli che giusto per iniziare tra sito web serio (non fatto con quella ca..ga.ta di worpress + woocommerce o similari stupidaggini), un po' di advertising e posizionamento ti partono 20/30k ti accompagnano subito alla porta con il pensiero "lo faccio fare all'amico del figlio della mia cugina, cosa vuoi che sia, tanto fà tutto il computer")
    Ignoranza al 101%.
    Nel mio piccolo ho accompagnato alcuni imprenditori nell'avventura internet e avendo un rapporto di lunga data con loro sono riuscito a fargli capire che i soldi iniziali spesi li avrebbero recuperati con gli interessi. Dopo i primi sei mesi passati io a lavorare e loro a pagarmi le fatture, si sono inziati e vedere i primi risultati.
    Ora due di questi sono al primo posto per 4/5 chiavi di ricerca importanti su un totale di risultati che vanno da 15 a 45 milioni di pagine.
    Il solo posizionamento vale il doppio dei soldi spesi fino ad ora, senza considerare che il loro fatturato è più che raddoppiato. Ora spendono tra i 2 e i 3k al mese per la gestione e il mantenimento delle posizioni, hanno messo persone dedicate solo a questo e sono molto soddisfatti. L'ecommerce lavora 24h ore al giorno 365 giorni all'anno. Non si ammala, non fà scioperi e non lo chiudono per covid

    Disclaimer: non darò indicazioni su chi sono perchè non mi serve pubblicità. Ormai rifiuto i clienti se non pagano l'acconto del 50% prima che inizio a scrivere una riga di codice.

  10. #10

    Data Registrazione
    Sep 2020
    Messaggi
    176
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    157 Post(s)
    Potenza rep
    8335140
    Citazione Originariamente Scritto da Sirswatch Visualizza Messaggio
    in effetti la situazione delle pmi italiche è tragica
    Essendo nel settore vedo che tirano sempre a spendere il meno possibile, se inizi a parlargli che giusto per iniziare tra sito web serio (non fatto con quella ca..ga.ta di worpress + woocommerce o similari stupidaggini), un po' di advertising e posizionamento ti partono 20/30k ti accompagnano subito alla porta con il pensiero "lo faccio fare all'amico del figlio della mia cugina, cosa vuoi che sia, tanto fà tutto il computer")
    Ignoranza al 101%.
    Nel mio piccolo ho accompagnato alcuni imprenditori nell'avventura internet e avendo un rapporto di lunga data con loro sono riuscito a fargli capire che i soldi iniziali spesi li avrebbero recuperati con gli interessi. Dopo i primi sei mesi passati io a lavorare e loro a pagarmi le fatture, si sono inziati e vedere i primi risultati.
    Ora due di questi sono al primo posto per 4/5 chiavi di ricerca importanti su un totale di risultati che vanno da 15 a 45 milioni di pagine.
    Il solo posizionamento vale il doppio dei soldi spesi fino ad ora, senza considerare che il loro fatturato è più che raddoppiato. Ora spendono tra i 2 e i 3k al mese per la gestione e il mantenimento delle posizioni, hanno messo persone dedicate solo a questo e sono molto soddisfatti. L'ecommerce lavora 24h ore al giorno 365 giorni all'anno. Non si ammala, non fà scioperi e non lo chiudono per covid

    Disclaimer: non darò indicazioni su chi sono perchè non mi serve pubblicità. Ormai rifiuto i clienti se non pagano l'acconto del 50% prima che inizio a scrivere una riga di codice.
    È il motivo per cui noi lavoriamo quasi esclusivamente con clienti all'estero.
    Gli mandi il preventivo e accettano senza manco discutere, da noi abbiamo avuto ultimamente 2 incontri con un paio di aziende di Milano, entrambe che hanno passato mezz'ora a farci capire che avevano gente che conoscevano che potevano lavorare a tot quindi se volevamo il lavoro dovevamo puntare "sul prezzo".

    Non gli abbiamo manco mandato il preventivo, cestinati seduta stante.
    Lavorare in Italia nel tech è frustrante perché è come cercare di vendere medicine a una persona malata che non capisce cosa sia una medicina.
    Ultima modifica di Castiel; 15-05-21 alle 00:04

Accedi